Pesca illegali, controlli della Guardia Costiera. Sanzioni ad un furgone a Riposto -
Catania
23°

Pesca illegali, controlli della Guardia Costiera. Sanzioni ad un furgone a Riposto

Pesca illegali, controlli della Guardia Costiera. Sanzioni ad un furgone a Riposto

La Guardia Costiera continua il proprio costante impegno nel contrasto alle attività di pesca illegale allo scopo di scongiurare tutti quei comportamenti illeciti che incidono negativamente sulle risorse ittiche e che penalizzano gli addetti del settore virtuosi e rispettosi delle vigenti disposizioni nazionali ed internazionali in materia di tutela delle risorse ittiche e dell’ambiente marino.

L’operazione complessa denominata “BFT FISHING CAMPAIGN 2024”, condotta nell’ambito territoriale delle Capitanerie di porto della Sicilia orientale, ha visto impegnati donne e uomini della Guardia Costiera in diverse articolate e mirate operazioni di controllo, a terra e in mare, con particolare riguardo alla pesca, trasporto e commercializzazione del “Tonno Rosso”, che vede proprio in questo periodo dell’anno frenetiche ed intense attività di cattura.

Il dispositivo messo in campo – coordinato a livello regionale, e articolato a livello territoriale dal Centro di Controllo Area Pesca (CCAP) della Direzione Marittima di Catania – ha portato, in questi ultimi giorni, nell’area di giurisdizione della Guardia costiera della Sicilia orientale all’effettuazione di oltre 500 controlli, sia in mare con l’impiego di mezzi navali e sia a terra negli approdi, punti di sbarco e lungo la filiera commerciale, a cura di qualificato personale militare “Ispettori pesca”, in forza ai Comandi territoriali.

Questi i dati salienti: 16 illeciti tra amministrativi e penali, 1 attrezzo da pesca sequestrato; sanzioni pecuniarie che ammontano a circa 32 mila euro, per un complessivo circa di 8 tonnellate di prodotto ittico sequestrato.Dall’analisi delle specifiche attività condotte dai militari emerge una certa riacutizzazione degli illeciti connessi alla cattura ed ai tentativi di commercializzazione della pregiata specie ittica (Tonno Rosso), derivante da pesca illegale ad opera di unità da pesca prive di specifiche autorizzazioni per questa tipologia di pesca ed in taluni casi, benché in possesso di tali autorizzazioni, che abbiano effettuato catture eccedenti la quota loro assegnata.

In tale contesto, assume particolare rilevanza l’attività condotta dai militari dei “Team Ispettivi” della Guardia Costiera di Catania, Siracusa, Riposto ed Acireale, che a seguito attività di intelligence hanno rinvenuto circa 7 tonnellate di tonno rosso privo di idonea documentazione che ne certificasse la tracciabilità e la legale cattura.

In particolare, la Guardia Costiera di Siracusa e di Riposto ha sanzionato rispettivamente il Comandante di un peschereccio intercettato al largo di Portopalo, con circa 5 tonnellate di tonno illegalmente detenuto ed un conducente di un furgone isotermico con a bordo oltre 2 tonnellate di Tonno rosso.

Nei confronti dei contravventori sono state elevate sanzioni per circa complessive 5300 euro, con decurtazione dei punti al titolare della licenza di pesca ed al comandante del peschereccio.

A seguito di accertamento sanitario da parte dei medici veterinari delle competenti Aziende Sanitarie Provinciali, la maggior parte del prodotto ittico sequestrato è stato donato alle associazioni caritatevoli e di beneficienza.

Inoltre, si evidenzia il sequestro di 7 esemplari di tonno rosso per un peso di circa 750 Kg, operato da militari della Guardia Costiera di Messina durante un controllo allo sbarco, nei confronti di un peschereccio assegnatario di quota “Tonno”, il cui prodotto detenuto è stato riscontrato in evidente cattivo stato di conservazione, in quanto riposto al di fuori di idonee celle frigo, così come accertato dal personale dell’Asp di Messina.

Potrebbero interessarti anche