Film consigliati su Amazon -
Catania
28°

Film consigliati su Amazon

Film consigliati su Amazon

Con l’arrivo da alcuni anni anche in Italia delle piattaforme digitali, ci si accorge sempre di più quanto la ricca offerta dell’abbonamento mensile o annuale di un servizio on demand offra non solo una valida alternativa alla tv generalista ma anche una vera e propria panoramica inedita di pellicole vecchie e nuove da riscoprire. Amazon, ad esempio, sta conducendo un progetto molto variegato e ambizioso proponendo ai suoi abbonati grandi film da vedere dai più conosciuti, ai grandi cult fino a quelli più di nicchia. Nell’ampio catalogo della piattaforma è possibile vedere alcuni film davvero imperdibili, e alcuni di questi sono inseriti nella lista che segue dei dieci film consigliati su Amazon da vedere a dicembre.

Un elenco che cercherà di accontentare tutti i gusti, dai documentari biografici Time e Mi chiamo Francesco Totti, ai film romantici come L’uomo fedele di Louis Garrel. Verranno inoltre proposti film usciti al cinema negli scorsi anni come l’heist movie Widows del regista di 12 Anni Schiavo e il coming-of-age Boy Erased con Nicole Kidman e Lucas Hedges.

L’uomo fedele

Marianne (Laetitia Casta) e Abel (Louis Garrel) sono una giovane coppia che vive felicemente insieme. Un amore consolidato e appassionato finché una scioccante notizia sbaraglierà l’apparente stabilità. Marianne infatti è incinta, ma il figlio è di Paul, il migliore amico di Abel. I due si lasciano e lei sposa in fretta e furia il padre del bambino che porta in grembo. Nove anni dopo, Paul muore e i due rivedendosi al funerale cominciano a riavvicinarsi. Nel frattempo Eve (Lily-Rose Depp), sorella di Paul, è da sempre innamorata del miglior amico del fratello e una volta raggiunta la maturità dichiara guerra a Marianne per conquistare il cuore dell’ex amante. Fra di loro il piccolo Jospeh, figlio di Marianne e Paul, complicherà le cose pensando che la madre abbia volontariamente avvelenato il padre per liberarsene. Le premesse per un meló avvincente e pieno di colpi di scene ci sono tutte nel secondo film diretto da Louis Garrel. Figlio d’arte (il papà è il regista Philippe Garrel e la madre l’attrice e sceneggiatrice Brigitte Sy), l’attore francese ha davvero conquistato tutti riuscendo perfino a guadagnarsi una nomination ai César. Ironico, romantico e ricco di una inedita suspense L’uomo fedele propone una versione moderna del classico triangolo amoroso dove la doppiezza fra amore e morte, fedeltà e infedeltà s’intrecciano in un film sul desiderio e le dinamiche di coppia. 

Time

Presentato in concorso all’ultimo Sundance e in esclusiva alla Festa del Cinema di Roma, il documentario Time è la vera storia di Fox Rich, imprenditrice, attivista e madre di sei figli che racconta in prima persona la lotta per il rilascio del marito condannato alla pena di sessant’anni per rapina in banca commessa a inizio anni Novanta. Tramite nastri e registrazioni personali nel documentario la battaglia personale per la liberazione del marito diventano parte di una riflessione più globale e politica sul problema carcerario in America che colpisce soprattutto le fasce sociali più deboli e gli afroamericani. Con Time la documentarista Garrett Bradley prosegue il suo racconto di denuncia sociale dopo il precedente American Rhapsody (2019) che metteva al centro la rappresentazione degli afroamericani nella cultura americana. Time è uno dei migliori documentari del 2020 considerato già un contender per i prossimi Oscar.

Boy Erased – Vite Cancellate

Tratto dall’omonimo libro autobiografico di Garrard Conley, Boy Erased è la storia di Jared (Lucas Hedges), figlio di un predicatore battista (Russell Crowe) che viene costretto a passare alcuni mesi in un programma di conversione per omosessuali guidato dalla chiesa. Nel programma chiamato “Love in Action” Jared stringerà amicizia con altri ragazzi anch’essi costretti alla cosiddetta “pratica di conversione” portata avanti dal terapista Viktor Sykes, interpretato dallo stesso Joel Edgerton che cura anche la sceneggiatura adattata e la regia. Il film, presentato in Italia alla Festa del Cinema di Roma nel 2018, racconta una pratica aberrante e contraddittoria eseguita in alcuni stati americani che prevede la riconversione forzata all’eterosessualità. In Boy Erased la vita di Jared precedente alla conversione ci viene raccontata tramite numerosi flashback che indagano anche il rapporto con i genitori in particolare con la mamma Nancy, interpretata da Nicole Kidman. Nel film anche Xavier Dolan e Troye Sivan.

It comes at night

All’interno di una casa abbandonata ma al sicuro, mentre fuori una minaccia innaturale sta letteralmente sterminando l’intera popolazione, Paul (Joel Edgerton) ha creato con la moglie Sarah (Carmen Ejogo) e il figlio adolescente Travis (Kevin Harrison Jr.) un preciso ordine domestico fatta di un’accurata routine per garantirne la sicurezza famigliare. Ma nonostante la sua volontà la paranoia prenderà il sopravvento e, quando la giovane coppia Will (Christopher Abbott) e Kim (Riley Keough) bussa alla loro porta in cerca di un rifugio, la loro sicurezza verrà inevitabilmente messa alla prova. Il secondo lungometraggio del regista di Krisha (2015) e del recente Waves- Le onde della vita (2019) è un thriller psicologico dalla forte vocazione horror che con pochissimi elementi mette in scena la paura recondita dell’ignoto e quella a noi ora molto conosciuta, del possibile contagio di un misterioso virus letale generando nello spettatore una sensazione di spaesamento e d’insicurezza costante.

Sound of Metal

Arriva il prossimo 4 dicembre su Amazon prime Sound of Metal l’attesissimo nuovo film con Riz Ahmed (The Night Of, Il fondamentalista riluttante, The OA). Diretto da Darius Marder, la storia racconta la tragica vicenda di Ruben Stone, batterista di una band metal ed ex tossicodipendente che un giorno inizia progressivamente a perdere l’udito che lo porterà alla completa ipoacusia. La fidanzata Lou (Olivia Cooke) costringerà il ragazzo a trasferirsi in una comunità per non udenti dove Ruben inizierà un percorso di adattamento alla sua nuova condizione e dove metterà in discussione tutta la sua vita precedente e quella futura. Considerato come uno dei migliori film del 2020 Sound of Metal è stato definito dal suo regista come “una favola in cui il protagonista intraprende questa grande avventura, solo per tornare indietro e rendersi conto che la risposta era sempre a casa”. Tra i suoi sceneggiatori anche Derek Cianfrance, regista di Come un tuono, Blue Valentine (anch’esso disponibile su Amazon) e della miniserie HBO I Know This Much is True. Da non perdere.

Frances Ha

Scritto e diretto dal regista di Storia di un Matrimonio Noah Baumbach, Frances Ha racconta con ironia e leggerezza le insicurezze, la paura del futuro, il talento mancante e l’indecisione lavorativa e individuale di una ragazza di 27 anni che vive precariamente a Brooklyn con la migliore amica Sophie. Frances, interpretata dalla regista di Lady Bird Greta Gerwig ed ora moglie di Baumbach, sogna di fare la ballerina di danza contemporanea ma si dovrà scontrare con la dura realtà tra i soldi per l’affitto che non bastano mai e un viaggio in solitaria a Parigi che gli cambierà la vita. Frances Ha è un vero e proprio inno all’amicizia femminile e alla sua forza dirompente. Girato completamente in bianco e nero, il film è una commedia ma si avvicina molto alla narrazione di un musical per i numerosi numeri di danza e di musica all’interno di situazioni e ambientazioni ordinarie.

Widows – Eredità criminale

In una Chicago in piena agitazione, Veronica (Viola Davis), Linda (Michelle Rodriguez), Alice (Elizabeth Debicki) e Belle (Cynthia Erivo) sono quattro donne che apparentemente non hanno nulla in comune tranne un debito lasciato dalle attività criminali dei loro mariti morti. Le quattro vedove decidono di prendere in mano il loro destino. Veronica propone alle altre tre di organizzare una rapina per fine il lavoro lasciato in sospeso dai loro mariti. Il regista del film premio Oscar 12 anni schiavo e dell’acclamato Shame con Michael Fassbender, Steve McQueen dirige un heist movie di forte impatto che trova in uno sguardo spiccatamente autoriale evidente anche in un sequenze action la sua grandezza, e dove la suspense è tenuta sempre altissima. Basato sull’omonima una miniserie televisiva inglese del 1983 ideata da Lynda La Plante (poi autrice di Prime Suspect) il film sovverte i canoni del crime e del film sulle rapine mettendo al centro del racconto una banda tutta al femminile. Nel film anche Carrie Coon, Liam Neeson, Colin Farrell e Robert Duvall.

Palm Springs

È il 9 novembre e durante un matrimonio lo spensierato Nyles (Andy Samberg) conosce la sorella della sposa Sarah (Cristin Milioti). I due sentono subito una forte empatia e decidono di appartarsi per passare un po’ di tempo da soli. Quando Nyles per sfuggire da un’aggressione si rifugia in una misteriosa grotta viene risucchiato in un loop temporale e i due si svegliano il giorno seguente che sarà di nuovo il 9 novembre. Nyles in realtà è da molto tempo che è incastrato in questo loop e in quella giornata ripetuta all’infinito i due giovani, tra divertimenti e svaghi di ogni tipo, impareranno a conoscersi meglio. Riusciranno Sarah e Nyles ad arrivare al 10 novembre? Romantico e divertente il film diretto da Max Barbakow rispolvera l’espediente narrativo dell’incastro temporale in chiave fresca e moderna dove oltre alla risata non mancano chiari riferimenti alla contemporaneità come una riflessione sulla solitudine e sullo smarrimento dei tempi moderni.

Guida perversa al cinema

Guida perversa al cinema è un interessante documentario del 2006 che ha il compito di accompagnare lo spettatore in un viaggio tra la psicoanalisi e i grandi film della storia del cinema. Girato nei luoghi e nei set originali dei film al centro dell’analisi, l’acclamato filosofo e psicoanalista Slavoj Zizek, con il suo approccio divertente e coinvolgente cerca d’indagare la vera essenza psicologica dei film di Lynch, Hitchcock e Haneke, da un punto di vista della psicoanalisi freudiana mettendo al centro temi quali il desiderio e l’inconscio. Con il suo linguaggio chiaro e appassionato Zizek ci porta dentro il significato profondo del cinema e di come i film possono dire molto di noi e della nostra esperienza con la realtà. Nel film vengono citati grandi pellicole come Persona, La Conversazione, Three Colors: Blue, Dogville, Fight Club, e L’Esorcista. In Italia la voce di Zizek è doppiata dal grande critico cinematografico Tatti Sanguineti.

Mi chiamo Francesco Totti

Il giorno dell’addio al calcio giocato di Francesco Totti il 28 maggio 2017 non ha solo segnato la storia del calcio italiano ma è stato un vero e proprio momento di commozione corale profondamente sentito anche dai non tifosi. Tre anni dopo quell’addio, il regista Alex Infascelli decide di raccontare il Francesco Totti fuori dal campo di calcio, ripercorrendo la sua carriera tramite video e audio privati inediti facendo venire fuori il lato più intimo e sconosciuto del grande calciatore. Mi chiamo Francesco Totti condivide momenti privati e grandi vittorie, ricordi, sconfitte ed emozioni personali di Totti tra la Roma e la sua famiglia. Totti non è solo l’oggetto del racconto ma è piuttosto soggetto, artefice, regista di un progetto che, anche parlando degli eventi più conosciuti, riesce a regalare uno sguardo inconsueto e profondo. Con il suo nuovo film Infascelli replica il successo e la sua abilità da grande documentarista dopo S is for Stanley del 2015.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche