Carnevale Francavillese in fase di “recupero” -
Catania
16°

Carnevale Francavillese in fase di “recupero”

Carnevale Francavillese in fase di “recupero”

Le avverse condizioni meteo di ieri hanno impedito lo svolgimento delle sfilate e del veglione. Le prime, comunque, si terranno domani (Martedì Grasso), mentre la serata danzante andrà “a beneficio” della Festa della Donna di sabato prossimo

Anche quest’anno, malgrado ricorra quasi alle porte della primavera, il Carnevale non è stato risparmiato dalla cosiddetta “nuvoletta di Fantozzi”, la cui pioggia ha costretto ieri (domenica 2 marzo) all’annullamento o al rinvio di sfilate in maschera e veglioni danzanti. Pure le caratteristiche manifestazioni carnascialesche di Francavilla di Sicilia, in questa edizione interamente organizzate dal comitato civico “I Frati di Cannaluvari”, hanno dovuto rinunciare all’attesta sfilata dei carri allegorici e dei gruppi in maschera, rinviata al pomeriggio-inizio serata di domani (Martedì Grasso).

I partecipanti alla kermesse, tuttavia, ieri erano già pronti a sfilare, ma l’intensificarsi delle precipitazioni atmosferiche ha fermato il corteo sul nascere. Da sotto gli ombrelli abbiamo, dunque, potuto intravedere alcuni degli allestimenti preparati per questa edizione dai cittadini francavillesi e del vicino centro di Motta Camastra, tra cui delle gustose satire sui social-nework e, soprattutto, sulla travagliata situazione politico-amministrativa locale, tra Consigli Comunali che decadono e scolari rimasti “a digiuno” a causa dell’interruzione del servizio di mensa scolastica.

Ovviamente, ieri Giove Pluvio ha impedito anche lo svolgimento del tradizionale veglione serale, che comunque verrà “recuperato” sabato prossimo, 8 marzo. «Abbiamo predisposto tutto per quattro serate – dichiara Carmelo Spitaleri, presidente del comitato organizzatore del Carnevale Francavillese 2014 – e quattro ne vogliamo assicurare ai nostri concittadini, che con le loro generose offerte ci hanno consentito l’allestimento della manifestazione, quest’anno a serio rischio di saltare a causa delle note difficoltà burocratico-finanziarie in cui si dibatte il Comune di Francavilla. La mancata serata danzante di domenica è, quindi, rinviata a sabato prossimo, ovviamente senza più lo spirito carnascialesco in quanto saremo già nel periodo quaresimale, bensì sfruttando l’occasione della Festa della Donna, celebrata proprio in quella data. Per adesso, io ed i miei collaboratori ci dichiariamo soddisfatti della riuscita della giornata inaugurale di sabato scorso, con il pomeriggio che abbiamo dedicato ai circa cento bambini in maschera (cui abbiamo consegnato, sul palco del Cineteatro Comunale “Arturo Ferrara”, dei piccoli doni) e col primo veglione danzante, egregiamente animato dalla briosa band di “Tony Brown”. E credo che delle belle sorprese ci riserverà anche la sfilata dei carri allegorici e dei gruppi in maschera in programma domani che, come per tradizione, si concluderà con la spassosissima “Cianciùta” in memoria di Re Carnevale».

Intanto, questa edizione del Carnevale Francavillese una “bella sorpresa” l’ha procurata già. Infatti, il grande e vetusto edificio ubicato nel cuore di Via Vittorio Emanuele, dove da tempo immemorabile hanno luogo i veglioni e le sfilate, è stato finalmente messo in sicurezza attraverso ponteggi e protezioni in legno montati velocemente appena qualche ora prima dell’inizio della serata inaugurale di sabato scorso. L’intervento, predisposto dall’Amministrazione Comunale a seguito di un’espressa declinazione di responsabilità per eventuali danni a persone o cose presentata in municipio dai proprietari dello stabile, era particolarmente atteso in quanto, ormai da diversi anni, la facciata di tale immobile registra periodicamente distacchi e cedimenti di intonaci e cornicioni, che avrebbero potuto causare delle autentiche tragedie qualora si fossero verificati durante le affollatissime serate carnascialesche sottostanti, quando, tra l’altro, il potente impianto di amplificazione audio piazzato proprio a ridosso del vecchio palazzo procura a quest’ultimo vibrazioni che ne minano ulteriormente la staticità.

Quest’anno, dunque, il Carnevale Francavillese somiglia tanto al recente… Festival di Sanremo, la cui scenografia era incentrata su di un antico ed elegante palazzo nobiliare sostenuto da tubi “Innocenti” ed impalcature varie, proprio a voler significare la fase di precarietà e decadenza che sta attraversando un Paese bello e dal passato illustre come l’Italia. Ed anche la “bella ed illustre” Francavilla di Sicilia, purtroppo, non sfugge a questa triste realtà, come ci fa notare quel “vecchio saggio” del Re Burlone.

Rodolfo Amodeo   

 

FOTO: il luogo di svolgimento del Carnevale Francavillese (con il vecchio edificio messo in sicurezza) e (da sinistra) Ciccino Sciacca e Carmelo Spitaleri (rispettivamente tesoriere e presidente del comitato organizzatore)

Potrebbero interessarti anche