Riposto, l'ex assessore Elisa Torrisi lascia Fratelli d'Italia: "Non mi identifico negli ideali" -
Catania
22°

Riposto, l’ex assessore Elisa Torrisi lascia Fratelli d’Italia: “Non mi identifico negli ideali”

Riposto, l’ex assessore Elisa Torrisi  lascia Fratelli d’Italia: “Non mi identifico negli ideali”

Non finisce mai di stupire la politica comunale a Riposto, tra prese di posizione e smentite. La vicenda dell’ex assessore Elisa Torrisi che sembrava fosse finita nel dimenticatoio continua a regalarci invece nuove emozioni. E’ di queste ore la notizia secondo cui la Torrisi abbia definitivamente rotto con il proprio partito di appartenenza, Fratelli d’Italia. Eppure, dopo le dimissioni sofferte e mal gestite, platealmente scaricata dal partito e dal sindaco di Riposto Davide Vasta, cosi come in tanti avevano raccontato, ella supinamente aveva accettato di svolgere il ruolo di agnello sacrificale, sottoscrivendo una dichiarazione pubblica “concordata”, all’indomani delle sue dimissioni che, invero, avevano suscitato non pochi dubbi. Fratelli d’Italia, mi ha proposto di ricoprire il ruolo di assessore, mi ha subito informata che ci sarebbe stato un avvicendamento – scriveva la Torrisi nel febbraio scorso – ho accettato di buon grado con l’unico intento di mettermi al servizio della città.

Dopo un’attenta valutazione, pur con molto dispiacere, ho deciso di anticipare questo momento perché, nel corso degli ultimi mesi, è diventato per me sempre più difficile riuscire a conciliare gli impegni privati con un’azione amministrativa efficace e continua. Ringrazio il partito per avermi dato la possibilità di fare questa esperienza politica e di crescita personale e il sindaco per la fiducia e la stima riposta nei miei confronti”. Una colata di miele. Sullo sfondo un problema di conciliazione degli impegni, tra vita amministrativa e gestione familiare. Ora la svolta. Improvvisa. A distanza di appena due mesi da quelle “concilianti” affermazioni la verità riaffiora nella sua totale limpidezza. Una cascata di acqua pura. Finalmente.

La Torrisi ha fatto sapere di avere “notificato le intenzioni di dimettersi dalle fila del partito “Fratelli d’Italia”, inviando una nota ai coordinatori provinciali, regionali e nazionali, “perché – scrive – non si identifica più negli ideali del partito stesso”. E se le parole hanno un peso e un significato, sembra di capire che la Torrisi abbia  improvvisamente deciso di prendere le distanze da quel partito che, per sette mesi, l’ha proposta come assessore,  salvo poi pentirsene e rimpiazzarla con una sostituta. Direttamente da Giarre! A questo punto appare del tutto evidente ciò che in tanti avevano raccontato a bassa voce. A cominciare dalla presunta rottura tra la Torrisi e il consigliere Orazio Virgitto. Sullo sfondo striscianti gelosie sul presenzialismo smodato della Torrisi che aveva suscitato non pochi malumori all’interno della maggioranza e della stessa Giunta. Di meccanismi strettamente legati alla necessità di prendersi meriti per ogni singola azione intrapresa, facendo slalom.

La famosa medaglia “di cartone” da attaccarsi al petto. A questo punto il dado è tratto. La Torrisi, con un atto di coraggio – ci ha impiegato due mesi – ha smesso i panni della vittima sacrificale che accettava di buon grado, ovvero di essere usata come una pedina politica. Perchè di questo, purtroppo, si tratta. Una pedina  a tempo (7 mesi) per una peones che ha però deciso di alzare la voce e staccare la spina, lavando i panni sporchi in piazza. Davanti a tutti.

Potrebbero interessarti anche