Riposto, finanziato il restauro del Nautico "L.Rizzo". A breve l'avvio dei cantieri -
Catania
11°

Riposto, finanziato il restauro del Nautico “L.Rizzo”. A breve l’avvio dei cantieri

Riposto, finanziato il restauro del Nautico “L.Rizzo”. A breve l’avvio dei cantieri

Oltre 1 milione di euro per la rinascita dello storico istituto Nautico “Luigi Rizzo” di Riposto. Un intervento finanziato dalla Città Metropolitana di Catania che restituisce decoro al secondo istituto d’Italia (l’anno scorso la prestigiosa scuola ha celebrato i 200 anni). Ieri è stato trasmesso il decreto di finanziamento e pertanto una volta avviate le procedure per l’esperimento della gara, si procederà alla fase esecutiva con l’avvio dei lavori che consistono nel recupero del prospetto dello storico edificio scolastico e nell’esecuzione di interventi mirati, tra cui l’eliminazione e il rifacimento delle porzioni ammalorate dagli agenti atmosferici. Il sindaco di Riposto, Enzo Caragliano: “Ringrazio il sindaco della Città Metropolitana di Catania Salvo Pogliese che ha mantenuto gli impegni assunti nel settembre del 2019, quando si è recato in visita nel nostro Nautico, annunciando che la scuola era stata inserita al primo posto nell’elenco delle opere da finanziare in provincia di Catania.

Quell’impegno è diventato dunque concretezza allorquando, al termine di una complessa fase procedurale, gli interventi sono stati finanziati e quanto prima si procederà alla gara per l’esecuzione dei lavori. All’istituto Nautico restituiamo dunque quel decoro che merita, per il ruolo che in tutti questi decenni ha rivestito in termini di formazione di ufficiali, oggi presenti in tutte le marinerie d’Italia e del mondo”. Compiacimento è stato espresso anche dal vice sindaco e assessore all’Edilizia scolastica Rosario Caltabiano: “Nella consapevolezza dell’importanza storica che riveste il Nautico – scuola di indiscussa eccellenza – ho sensibilizzato la Città Metropolitana perché inserisse la scuola in un piano per la sua riqualificazione. Nel Sindaco Salvo Pogliese abbiamo trovato un ottimo interlocutore e con lui è stato individuato il migliore percorso perché si riuscisse a rivitalizzare l’edificio, sotto il profilo strutturale e del restauro, ottenendo le risorse necessarie per finanziare le opere manutentive. La trasmissione del decreto è il segnale che attendevamo da tempo. Ora ci sono tutte le condizioni per passare alla fase attuativa”.

Potrebbero interessarti anche