Riposto, Consiglio approva all’unanimità il Consuntivo 2018 -
Catania
17°

Riposto, Consiglio approva all’unanimità il Consuntivo 2018

Riposto, Consiglio approva all’unanimità il Consuntivo 2018

All’unanimità del presenti il Consiglio comunale ripostese ha approvato ieri sera al termine della seduta il Rendiconto esercizio finanziario 2018.

Il sindaco di Riposto, Enzo Caragliano: “Esprimo soddisfazione per l’approvazione dell’atto finanziario consapevole che non si tratta solo di uno strumento contabile avendo anche una sua connotazione politica. Un risultato certamente positivo che – rimarca il primo cittadino ripostese – conferma l’impegno profuso dall’amministrazione per le scelte attuate e realizzate in un percorso di risanamento e di concreta realizzazione di progettualità”.

“Il consuntivo – soggiunge il vice sindaco e assessore al Bilancio, Rosario Caltabiano- rappresenta l’azione che questa amministrazione sta portando avanti con assoluta determinazione sin dal suo insediamento. Ovvero un oculato percorso di risanamento finanziario, mantenendo sempre alta l’attenzione sulle potenziali criticità strutturali, così come rilevato nel dibattito consiliare.Tuttavia questo non sminuisce l’impegno di questo esecutivo che, anzi, sotto l’aspetto dell’investimento, ha continuato ad ottenere importanti finanziamenti che rappresentano una risorsa per il futuro di questa città. Rivolgo, infine, un plauso a tutto il consiglio comunale che ha di fatto condiviso e riconosciuto l’impegno dell’amministrazione Caragliano”.

Dal canto suo l’assessore ai Tributi, Nella Casabella rimarca l’importanza dell’atto finanziario esprimendo il proprio “compiacimento per l’approvazione all’unanimità, benché consapevole della grande difficoltà che il comune di Riposto, così come la stragrande maggioranza dei comuni, riscontra nella riscossione dei tributi ed è per questo che l’amministrazione si sta muovendo, mettendo in campo tutti gli strumenti necessari affinché si possa migliorare la capacità di riscossione dell’ente. Il lavoro da fare è ancora tantissimo e, benché consapevoli delle oggettive difficoltà, non demordiamo nel raggiungimento degli obiettivi prefissati, certamente imprescindibili”.

Potrebbero interessarti anche