Tutto quanto c'è da sapere sulla Sicilia e sulla Cristianità negli scritti di Alfredo Raneri -
Catania
17°

Tutto quanto c’è da sapere sulla Sicilia e sulla Cristianità negli scritti di Alfredo Raneri

Tutto quanto c’è da sapere sulla Sicilia e sulla Cristianità negli scritti di Alfredo Raneri

Lo studioso di Malvagna, oggi residente nella frazione taorminese di Trappitello, dopo una vita di lavoro “tecnico” ha dato alle stampe delle interessanti pubblicazioni sulla storia ed i personaggi della nostra isola e sui protagonisti e gli episodi delle Sacre Scritture. Nel suo “Vocabolario” vengono passati in rassegna i tantissimi “vip” espressi dalla Trinacria

Dopo una vita al servizio del gruppo “Eni” e della società “Itel-Sielte”, da pensionato si sta dedicando alla divulgazione culturale attraverso i suoi pregevolissimi scritti: ci referiamo ad Alfredo Raneri, cittadino di Malvagna, oggi residente nella frazione taorminese di Trappitello, appassionato di Storia siciliana e di letture bibliche, così come si evince dalle sue recenti pubblicazioni.

Nato nel 1950, Raneri ha conseguito nel Comune etneo di Giarre il diploma di Maturità Industriale, ed a Malvagna, suo paese d’origine, ha rivestito dal 2001 al 2006 la carica di vicepresidente del Consiglio Comunale.

Una pagina di “Sicilia – Vocabolario Storico”

Nelle settimane scorse ha fatto ritorno al luogo natio per ritirare il Premio Speciale “Una Voce di Malvagna” a lui destinato nell’ambito della quarta edizione del concorso letterario “Fogghi Mavvagnòti – Salvatore Gaglio”, ideato e diretto dal poliedrico artista ed intellettuale José Russotti, il quale ha dichiarato che «il nostro riconoscimento al concittadino Alfredo Raneri è dovuto al suo attaccamento all’amato paese che gli ha dato i natali ed a cui ha sempre dato voce. Ma con le sue recenti pubblicazioni, Raneri si è spostato dalla realtà strettamente localistica ad ambiti più vasti quali la Storia di Sicilia ed il Cristianesimo, rivelandosi uno studioso di valore».

Negli ultimi anni, infatti, Raneri ha dato alle stampe i volumi “I pretendenti di Sicilia”, “Io e Gesù di Nazareth”, “Sicilia – Vocabolario Storico” e “La Sicilia in dodici mesi”.

Nel primo, Raneri racconta dei vari popoli che, nel corso dei secoli, hanno frequentato e spesso, purtroppo, depredato la nostra isola.

Nel volume su Gesù, invece, l’autore passa in rassegna i protagonisti e gli episodi delle Sacre Scritture attualizzandoli con i propri personali commenti, da cui si possono trarre interessanti spunti di riflessione.

“Sicilia – Vocabolario Storico” (giunto alla seconda edizione aggiornata) costituisce, infine, un utile vademecum per tutti coloro i quali (giornalisti, autori radiotelevisivi, scrittori e semplici lettori) desiderano acquisire dati e notizie sulle centinaia di personaggi di spicco, sia del passato che contemporanei, partoriti dalla nostra regione, tra cui intellettuali (Brancati, Bufalino, Camilleri, Capuana, Consolo, Pirandello, Quasimodo, Sciascia, Verga, ecc.), scienziati (Archimede, Majorana, Zichichi, ecc.), politici (Attilio Castrogiovanni, Francesco Crispi, Giovanni Gentile, Sergio Mattarella, Vittorio Emanuele Orlando, Luigi Sturzo, ecc.), uomini di spettacolo (Pippo Baudo, Lando Buzzanca, Pino Caruso, Adolfo Celi, Maria Grazia Cucinotta, Turi Ferro, Ficarra e Picone, Fiorello, Franchi ed Ingrassia, Nino Frassica, Leo Gullotta, Angelo Musco, ecc.), cantanti e musicisti (Rosa Balistreri, Franco Battiato, Marcella Bella, Vincenzo Bellini, Mario Biondi, Carmen Consoli, Vincenzo Spampinato, Orazio Strano, ecc.), artisti figurativi (Antonello da Messina, Renato Guttuso, Francesco Messina, ecc.), sportivi (Pietro Anastasi, Tony Cairoli, Vincenzo Nibali, Totò Schillaci, ecc.) e vittime della mafia (i giudici Falcone e Borsellino, Giuseppe Fava, Boris Giuliano, Libero Grassi, Peppino Impastato, Pio La Torre, Piersanti Mattarella, Padre Pino Puglisi, ecc.).

Una delle pagine di “Sicilia – Vocabolario Storico” dedicate ai vari presidenti della Regione Siciliana

In questo “Vocabolario Storico” Alfredo Raneri ha anche fatto rientrare personalità della “sua” Valle dell’Alcantara e del contiguo territorio etneo che, pur dalle zone periferiche in cui vivono ed operano, si prodigano per dare lustro alla Sicilia: tra essi il giornalista professionista Rodolfo Amodeo, lo scultore Turi Azzolina, la ceramista Gabriella Caggegi, il presidente della Pro Loco di Giardini Naxos nonché docente di Storia dell’Arte Giuseppe Carmeni, i pittori Angelo Malatino e Damiano Marra, lo scrittore ed editore Angelo Manitta, lo storico sicilianista Salvatore Musumeci, lo studioso Antonino Portaro, il poliedrico intellettuale José Russotti ed il cultore di tradizioni popolari Nino Vadalà.

L’autore ha inoltre inserito nel volume delle schede sui vari governanti che sino ad oggi si sono succeduti alla guida della Sicilia nonché notizie e foto sulle località più rinomate ed attrattive dell’isola e sui rispettivi santi patroni.

In “La Sicilia in dodici mesi” si ritrovano un po’ gli stessi personaggi del “Vocabolario Storico”, che Alfredo Raneri ha “riordinato” in base alle date di nascita e di morte.

Tonio Troina

 

FOTO PRINCIPALE: Alfredo Raneri in primo piano e mentre viene premiato da Gabriella Caggegi, artista ceramista ed assessore al Comune di Malvagna, nella recente edizione di “Fogghi Mavvagnòti”

Potrebbero interessarti anche