Giarre, riapre, dopo anni, il parco Giardino di Macchia VIDEO -
Catania
23°

Giarre, riapre, dopo anni, il parco Giardino di Macchia VIDEO

Giarre, riapre, dopo anni, il parco Giardino di Macchia VIDEO

Dopo un decennio di oblio, il Parco Giardino di viale dello Ionio a Macchia riapre stamane i battenti. Questa mattina, alla presenza del sindaco Leo Cantarella con la Giunta, la dirigente scolastica Tiziana D’Anna, del parroco Alfio Privitera, la cerimonia di inaugurazione del parco, un’area verde di 4 ettari che confina con il greto del torrente Macchia.

Il parco era stato completamente abbandonato per anni. Grazie a un complesso intervento realizzato dagli studenti dell’Azienda Agricola Didattica “Mazzei” dell’IIS “Leonardo”, in collaborazione con il Comune, l’area è stata completamente riqualificata.

I lavori hanno visto impegnati gruppi di quindici alunni di classi diverse che si sono alternati nelle squadre di lavoro coordinate e dirette dall’insegnante Alfio Scavo, collaborato dai docenti Orazio Catalano, Giuseppina Scarso, Carmela Campo, dei tutor  del progetto Giacomo Tropea, Rosario Alia e dagli assistenti tecnici Alfio Tornabene, Domenico Alfonso, Rita Privitera e Salvatore Tornabene, quest’ultimi ex alunni del Mazzei, per riportare all’ antico splendore la villa comunale di Macchia di Giarre hanno lavorato per più di due mesi. Tra i lavori effettuati, lo sgombero della vegetazione: la folta vegetazione che aveva completamente sommerso l’area è stata rimossa, liberando anche la statua bronzea di San Pio.  E inoltre il ripristino delle panchine e dei sentieri: le panchine che costellano il parco sono state ripristinate e i suggestivi sentieri naturalistici sono stati nuovamente resi percorribili.

Effettuata la rimozione degli attrezzi ludici risalenti agli Anni ’80, che rappresentavano un potenziale pericolo, sono stati rimossi, la riattivazione dell’illuminazione: i corpi illuminanti dislocati nell’area perimetrale del parco sono stati riparati e riattivati. Portato a termine anche il recupero dell’arena da 4.000 posti a sedere, che potrà ospitare eventi musicali e teatrali, è stata resa nuovamente agibile. Tra gli interventi eseguiti anche la rimozione delle radici che avevano dissestato la pavimentazione del parco sono state rimosse per garantire un transito pedonale sicuro.

Potrebbero interessarti anche