Giarre, ciclo rifiuti: emerse 455 utenze sconosciute -
Catania
19°

Giarre, ciclo rifiuti: emerse 455 utenze sconosciute

Giarre, ciclo rifiuti: emerse 455 utenze sconosciute

Nei giorni scorsi Amministrazione comunale e Igm hanno annunciato il positivo balzo in avanti del dato della raccolta differenziata a Giarre. Un salto di oltre 30 punti in pochi mesi: dal 32% al quasi 60% di questi ultimi giorni. Una performance che premia gli sforzi profusi dalla Igm, la società che ha in appalto a Giarre il ciclo dei rifiuti e l’amministrazione Cantarella.

In questo quadro è stata intensificata l’attività di vigilanza, mentre continuano, incessanti, le bonifiche laddove i soliti incivili continuano ad abbandonare rifiuti indifferenziati in grande quantità. Le telecamere attivate nei punti in cui sovente si formano le discariche, hanno immortalato diversi cittadini intenti a depositare rifiuti, anche ingombranti, a ridosso di strade e parchi.

Il sindaco Leo Cantarella e l’assessore all’Ecologia, Giuseppe Cavallaro confermano che “le telecamere presenti in vari punti della città, hanno consentito di identificare numerosi sporcaccioni. Diversi incivili sono stati sanzionati, insieme ai tanti condomini che, purtroppo, si ostinano a lasciare fuori i carrellati creando discariche assestando un duro colpo al decoro urbano. I rifiuti sono personali – affermano il sindaco Cantarella e l’assessore Cavallaro – e non li dobbiamo smaltire a casa dei vicini ma fuori le nostre abitazioni. Invitiamo i cittadini sensibili a installare, presso le proprie abitazioni, telecamere permanenti previo parere della polizia municipale, al fine di evitare alcuni scempi che si creano in città”.

Frattanto da accertamenti eseguiti dall’ufficio Ecologia del Comune di Giarre a fronte è stato calcolato un potenziale mancato introito di 2 milioni 140 mila euro. Mentre per effetto dei capillari controlli eseguiti si contano 455 nuove utenze, rimaste sconosciute al Comune che si sono messe in regola, risultando finalmente censite.

Potrebbero interessarti anche