Catania, preferisce consegnare la droga ai Lupi: arrestato -
Catania
34°

Catania, preferisce consegnare la droga ai Lupi: arrestato

Catania, preferisce consegnare la droga ai Lupi: arrestato

I Carabinieri della “Squadra Lupi” del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, nella flagranza di reato, hanno arrestato un catanese 39enne perché responsabile di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

La continua opera d’infiltrazione nel tessuto criminale cittadino aveva consentito ai militari di acquisire notizie circa la redditizia attività di spaccio di droga posta in essere dal 39enne, svolta tra l’altro proprio davanti la sua abitazione di via Officina, nel quartiere di San Cristoforo.

Il riscontro delle notizie così acquisite, pur se reso difficile dal contesto abitativo ed operativo della zona, ha fornito quelle risposte che i “Lupi” si attendevano avendo più volte notato autovetture fermarsi proprio davanti al portone d’ingresso del civico di residenza dell’uomo che, velocemente, si avvicinava agli occupanti effettuando il classico scambio denaro-droga.

Ovvia e necessaria la conseguente perquisizione alla quale l’uomo, compresa l’ineluttabilità delle contestazioni che a breve gli sarebbero piovute, ha preferito alleviare la sua posizione consegnando spontaneamente ai militari 30 dosi di marijuana tipo “orange skunk”, confezionate singolarmente per la vendita al minuto, nascoste in una credenza nei pressi della porta d’ingresso ed all’interno del tubo di un ombrellone.

L’estensione della ricerca all’interno dell’appartamento, ancora, ha consentito ai militari di trovare sopra una mensola della cucina la somma di 120 euro, sequestrata perché ritenuta provento dello spaccio.

A seguito dei preliminari accertamenti inoltre i militari hanno scoperto che l’uomo, oltre ad essere gravato da specifici precedenti in materia di droga, era già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno. In attesa della celebrazione del rito direttissimo, l’uomo è stato posto agli arresti domiciliari.

Potrebbero interessarti anche