Bronte, la scuola secondaria di primo grado “L. Castiglione” è stata scelta dal Ministero dell’Istruzione quale modello di didattica innovativa digitale -
Catania
28°

Bronte, la scuola secondaria di primo grado “L. Castiglione” è stata scelta dal Ministero dell’Istruzione quale modello di didattica innovativa digitale

Bronte, la scuola secondaria di primo grado “L. Castiglione” è stata scelta dal Ministero dell’Istruzione quale modello di didattica innovativa digitale

“LeScuole” è un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione che vuole raccontare le eccellenze, i progetti didattici e le esperienze innovative delle istituzioni scolastiche di tutta Italia.  Fortemente voluto dalla ministra Lucia Azzolina, il progetto social del Ministero ha scelto la Scuola secondaria di primo grado “L. Castiglione” di Bronte quale modello di didattica innovativa di una comunità scolastica che ha dimostrato il coraggio e l’orgoglio di fare scuola per reagire alle difficoltà vissute a causa della pandemia.

Tre sono le esperienze di eccellenza scelte dal Ministero: i progetti “A tutto coding”, curato dalla prof.ssa Concetta Falanga, “We are happy, and you?”, sviluppato dalla prof.ssa Laura Paparo, e il “TG Storia Pandemia”, realizzato dalla prof.ssa Laura Marullo, che saranno rilanciati sui canali social del ministero attraverso interviste alla dirigente scolastica, prof.ssa Maria Magaraci, alle docenti e agli alunni delle classi II G, II B, II C, II E, III H.

Da sabato 5 dicembre le pagine Instagram e Facebook del Ministero presenteranno le esperienze di didattica digitale della Scuola “Castiglione” raccontate dalla viva voce degli alunni e delle docenti, ma anche dalle storie, dai treiler, dai video dei progetti che sono stati selezionati. Protagonisti di questo racconto saranno l’entusiasmo, la passione, la competenza di una istituzione scolastica che ha vinto la sfida del fare scuola in un momento molto delicato, trasformando le difficoltà in opportunità.

“La Didattica a Distanza – afferma la preside Maria Magaraci – non ci ha colti impreparati durante il lockdown. L’esperienza di marzo ci ha permesso di regolamentare la Didattica Digitale Integrata che stiamo attuando anche adesso. In questo senso per noi non è stata una novità, anzi abbiamo colto l’opportunità di continuare quelle attività  di didattica innovativa, grazie all’uso delle tecnologie, alle quali sono stati conferiti vari premi anche negli anni precedenti. Questo importante riconoscimento del Ministero dell’Istruzione ci inorgoglisce, perché premia il lavoro di tutta una comunità scolastica da sempre impegnata sul fronte della sperimentazione”.

 

Potrebbero interessarti anche