Operazione Jungo, video intervista al capitano dei Cc Luca Leccese: "Fiumi di droga ed estorsioni. Le vittime non hanno mai collaborato" -
Catania
25°

Operazione Jungo, video intervista al capitano dei Cc Luca Leccese: “Fiumi di droga ed estorsioni. Le vittime non hanno mai collaborato”

Operazione Jungo, video intervista al capitano dei Cc Luca Leccese: “Fiumi di droga ed estorsioni. Le vittime non hanno mai collaborato”

Con l’operazione Jungo, dal nome del popoloso quartiere di Giarre, la più grande piazza dello spaccio che fruttava oltre 5 mila euro al giorno, è stata anche definita la struttura, le posizioni di vertice e i ruoli degli indagati del clan legato ai Santapaola, con dei veri e propri turni fra vari pusher, che venivano stipendiati, e con il mantenimento alle famiglie dei detenuti.

Il clan imponeva anche il pizzo a diversi esercenti e riscuoteva i crediti legati agli stupefacenti con pestaggi e puniva chi si rifiutava di spacciare o rapinare per conto del clan.

Tutti i particolari dell’operazione nell’intervista esclusiva di Mario Previtera al comandante della Compagnia di Giarre, cap. Luca Leccese

Potrebbero interessarti anche