Riposto, cantieri e finanziamenti. 2020 anno di svolta -
Catania
27°

Riposto, cantieri e finanziamenti. 2020 anno di svolta

Riposto, cantieri e finanziamenti. 2020 anno di svolta

Il 2020 rappresenta per il Comune di Riposto l’anno di svolta per l’avvio di una serie di importanti cantieri finanziati in larga parte dalla Regione nel quadro di una intensa interlocuzione condotta dall’amministrazione Caragliano. Alcuni interventi rappresentano la chiave di volta per il futuro stesso della città del porto dell’Etna a cominciare dalla messa in sicurezza del primo bacino portuale e l’avvio della fase procedurale per la realizzazione della Mareneve, fondamentale e strategica arteria di collegamento.

Non meno importante, anche il restauro dello storico istituto Nautico per il quale è in previsione un finanziamento di oltre un milione di euro che figura al primo posto nella lista degli interventi programmati nell’area provinciale dall’ente Città Metropolitana di Catania.

Il sindaco Caragliano elencando i numerosi stanziamenti ribadisce con forza l’impegno profuso dall’amministrazione in diversi fronti. Con l’adesione a diversi bandi della Regione, non ultimo quello dei parchi inclusivi “nell’ottica di assicurare uguale accesso agli altri bambini con difficoltà motorie alla partecipazione ad attività ludiche, ricreative e del tempo libero, facilitando l’interazione sociale”.

“Guardando al nuovo anno appena iniziato – continua il sindaco – ripongo importanti aspettative sul progetto esecutivo riguardante i lavori di riqualificazione del litorale di Riposto – interventi di sistemazione funzionale e paesaggistica – realizzazione di una pista ciclabile, per un importo 3 milioni 250 mila euro. Il progetto è stato trasmesso all’assessorato regionale alle Infrastrutture ai fini dell’inserimento nell’intervento progettuale Ciclovia della Magna Grecia, promosso dal Protocollo di intesa del 4 aprile 2019 tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e le Regioni Basilicata, Calabria e Sicilia che nel territorio isolano si svilupperà lungo l’itinerario Messina-Catania-Siracusa, fino a Pozzallo, comprendendo parte del territorio ripostese tra cui, per intero, il lungomare Pantano”.

L’efficientamento energetico è un’altra delle numerose priorità dell’amministrazione Caragliano. I fondi assegnati, 71 mila euro, sono quelli del Decreto Crescita. Prevista la sostituzione delle lampade nei vari impianti comunali con corpi illuminanti a doppia sospensione presenti in piazza San Pietro, corso Italia tra la via Vespri e la via Flavio Gioia. Fondamentale anche la sicurezza nelle scuole.

In questo quadro rientra la palestra annessa al plesso scolastico “Galileo Galilei” di via Galilei a Riposto, per la quale, la Regione, ha stanziato la somma di 994.419,10 euro.

E ancora l’ampliamento del parco delle Kentie: la Regione ha stanziato 1,5 milioni di euro: “l’intervento consiste nel raddoppiamento dell’area di superficie del parco poiché verrà acquisito un ulteriore spazio nel quale sorgerà un edificio gemello a quello esistente sede degli uffici e sale espositive, nel quale verranno aperti altri spazi espositivi e un piccolo auditorium. I due plessi saranno collegati da una passerella in vetro, prevista anche la dotazione di un impianto fotovoltaico comportando un significativo risparmio energetico. Il progetto contempla un’area a parcheggio nella quale ricadrà poi l’ingresso principale, quello monumentale, del parco di via Mario Carbonaro”.

“Quest’anno – conclude il sindaco Caragliano – grande attenzione sarà riservata al recupero delle somme derivanti da tributi comunali non incassati. C’è ancora una percentuale di cittadini che non paga i dovuti tributi e la nostra intenzione è quella di stanarli. Anche nel rispetto della maggioranza dei cittadini ripostesi che rispettano le regole”.

Potrebbero interessarti anche