Giarre, disagi scuole San Giovanni Montebello e Croce, la dirigente Novelli: “Rispetto la legge” -
Catania
30°

Giarre, disagi scuole San Giovanni Montebello e Croce, la dirigente Novelli: “Rispetto la legge”

Giarre, disagi scuole San Giovanni Montebello e Croce, la dirigente Novelli: “Rispetto la legge”

Ancora polemiche sulla mancata formazione della classe della media di San Giovanni Montebello e la chiusura della scuola dell’Infanzia di Croce, determinata da uno spopolamento di alunni e che ha indotto l’assessore alla Pubblica istruzione Dario Li Mura, ad esprimere il proprio dissenso sulla decisione adottata dalla dirigente del Primo Comprensivo scolastico Maria Novelli, finita nel mirino di un gruppo di genitori che ha trasmesso anche una petizione al Provveditorato. Rappresentanti di genitori, quelli di San Giovanni, che ribadiscono con forza la propria delusione e che hanno appreso dallo stesso provveditorato di non essere a conoscenza di quanto avvenuto nelle due scuole giarresi. 

La dirigente scolastica Maria Novelli dal canto suo replica anche alle tante accuse che hanno inondato i social, sottolineando di avere solo rispettato le normative scolastiche: “Non si possono formare classi al di sotto dei 18 alunni. Nella media di San Giovanni Montebello ci siamo ritrovati con appena 9 alunni. Troppo pochi. Nella qualità di dirigente scolastica devo attenermi a due precise leggi dello Stato: classi composte da un numero non inferiore a 18 alunni e, assicurare il benessere degli studenti.

Peraltro i genitori degli alunni di San Giovanni Montebello sono stati sentiti ripetutamente e informati. Nel contempo, ho avuto rassicurazioni dall’amministrazione comunale sull’attivazione di un servizio di scuolabus. Tornando alle decisioni assunte, lo ribadisco: tutto ruota sulla normativa riguardante l’organico e sui criteri per la formazione delle classi”.

Potrebbero interessarti anche