"Una vita in bianco e nero": il confronto generazionale in musica di Alfio Cantarella -
Catania
20°

“Una vita in bianco e nero”: il confronto generazionale in musica di Alfio Cantarella

“Una vita in bianco e nero”: il confronto generazionale in musica di Alfio Cantarella

Il nuovo singolo del cantante ed autore originario di Biancavilla è incentrato sulle differenze tra il modo di vivere e di divertirsi dei decenni scorsi, all’insegna della semplicità, e quello “digitale”, ma freddo e privo di emozioni, dei giovani d’oggi. Fa parte dell’album “Non posso arrendermi” che l’artista etneo presenterà sabato prossimo, 27 luglio, ad Acireale, sua città d’adozione, nel corso di un gran galà nella barocca Piazza Pasini

Nelle foto e nei filmati d’epoca appare “in bianco e nero”, ma nella realtà era molto più “colorata” di quella dei tempi d’oggi. Ci riferiamo alla vita ed, in particolare, ad “Una vita in bianco e nero”, ossia il recente singolo del cantante ed autore Alfio Cantarella, originario di Biancavilla ma acese d’adozione.

Con questa sua nuova canzone Cantarella ha messo a confronto la sua generazione e quella attuale, evidenziando come il modo di vivere di una volta, all’insegna della semplicità e di “ingenui” passatempi per nulla tecnologici, fosse molto più avvincente ed emozionante rispetto al freddo modo di vivere “digitale” dei giovani d’oggi, immersi tra social e selfie che non danno la felicità.

Alfio Cantarella in sala d’incisione

Come spiega il suo stesso interprete e coautore, «ho scritto questo brano insieme all’autrice messinese Rita Bombaci ed al compositore bolognese Riccardo Lasero. Il testo è autobiografico perché parlo della mia gioventù, fatta di pochi soldi ma di tanta dignità. Erano i tempi in cui ci si divertiva tirando calci ad un pallone e si provava un’emozione indicibile quando lo speaker di una radio libera mandava in onda la canzone con la dedica per la ragazza che si voleva conquistare. Si era felici, dunque, con poco, mentre i ragazzi di oggi hanno apparentemente tutto, ma in realtà rimangono poveri dentro, forse perché non provano più il gusto di dover conquistare qualcosa. Noi, invece, poveri lo eravamo da un punto di vista economico, ma ci sentivamo ricchi perché amavamo la vita in maniera semplice e piena. “Una vita in bianco e nero” la dedico quindi ai giovani d’oggi, tra cui ci sono anche i miei nipotini, perché nel frattempo quelli della mia generazione siamo diventati genitori e persino nonni. Alla fine del brano, comunque, mi rivolgo a mia figlia dicendole che la vita, sia essa “a colori” o “in bianco e nero”, va in ogni caso vissuta sino in fondo ed in libertà».

Il singolo “Una vita in bianco e nero”, che oltre che per il significativo testo si fa apprezzare anche per la trascinante musicalità, fa parte dell’album “Non posso arrendermi”, i cui brani Alfio Cantarella presenterà ai suoi concittadini di Acireale sabato prossimo, 27 luglio, nel corso della manifestazione “Piazza Pasini in Arte”, organizzata dall’associazione “Città Domani” e condotta da Gaeno ed Elisabetta Carastro. Oltre a Cantarella,  nella suggestiva piazzetta barocca incastonata tra le viuzze del centro storico acese, si esibiranno numerosi altri artisti, tra cui gli ospiti d’onore Giuseppe Bonanno, coreografo e primo ballerino del Teatro Massimo di Palermo, e Mino Cassano, ex componente degli “Italia Sound”.

Come il suo illustrissimo collega Adriano Celentano, anche Alfio Cantarella ha trascorsi di artigiano, ma in età matura è riuscito a coronare il suo sogno di “vivere di musica”, al punto da abbandonare l’originario mestiere di autoriparatore. Già negli anni giovanili, comunque, coltivava la sua passione per l’arte delle sette note dedicandosi allo studio della batteria e della chitarra basso.

Grazie al suo talento ed alla sua perseveranza, Cantarella riesce a farsi notare da eminenti autori e compositori di fama nazionale, che vedono in lui l’interprete ideale per qualche loro composizione, magari sino ad allora “tenuta nel cassetto” nell’attesa di affidarla alla “voce giusta” in grado di valorizzarla al meglio.

Così, dieci anni fa, Mario Panzeri, storico autore di Mina, ed il maestro Olivo Berto gli fanno incidere “Fantasia”, cui segue “Era Settembre”, brano, quest’ultimo, con cui il cantante etneo rientra in alcune popolari compilation discografiche accanto a celebrità del calibro di Edoardo Vianello, Little Tony, Bobby Solo, Don Backy, Cristiano Malgioglio, i Cugini di Campagna, i Dik Dik ed i Camaleonti. Nello stesso periodo partecipa come ospite a seguitissimi show televisivi irradiati dai network nazionali, tra cui “Millevoci”, condotto da Gianni Nazzaro.

Ultimamente collabora con Riccardo Lasero, affermato musicista tosco-emiliano dalle molteplici esperienze artistiche, anche come arrangiatore ed autore di canzoni per bambini approdate alla prestigiosa ribalta dello “Zecchino d’Oro”.

I modelli ispiratori di Alfio Cantarella sono i grandi “chansonnier” italiani degli Anni Settanta (Nicola Di Bari, Peppino Gagliardi, Mino Reitano, ecc.) dei quali evoca lo stile, attualizzandolo, però, con le nuove sonorità del pop contemporaneo e con testi al passo con i tempi e mai banali.

Rodolfo Amodeo

 

CLICCARE QUI PER ASCOLTARE LA CANZONE “UNA VITA IN BIANCO E NERO” DI ALFIO CANTARELLA

FOTO PRINCIPALE: Alfio Cantarella ed una foto d’epoca di Piazza Pasini, ad Acireale, dove il cantante si esibirà sabato prossimo

Potrebbero interessarti anche