Giardini Naxos nei mille chilometri della "Ciclovia della Magna Grecia" -
Catania
25°

Giardini Naxos nei mille chilometri della “Ciclovia della Magna Grecia”

Giardini Naxos nei mille chilometri della “Ciclovia della Magna Grecia”

La cittadina turistica è stata inserita nel lungo percorso ciclabile che collegherà la Basilicata, la Calabria e la Sicilia da Lagonegro a Pozzallo. Il vicesindaco Carmelo Giardina ha partecipato nei giorni scorsi a Palermo all’incontro convocato dall’assessore regionale alle Infrastrutture ed alla Mobilità, Marco Falcone, per mettere a punto l’ambizioso progetto

Anche Giardini Naxos rientra tra i Comuni della costa orientale della Sicilia che verranno attraversati dalla “Ciclovia della Magna Grecia” (C.M.G.), ossia il percorso ciclabile lungo oltre mille chilometri che collegherà le regioni del Sud Italia, ed in particolare la Basilicata, la Calabria e la Sicilia.

Gli estremi della “megapista”, promossa dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, saranno Lagonegro, in Basilicata, e Pozzallo-Pachino, in Sicilia.

Nella nostra regione l’itinerario della C.M.G. si snoderà lungo le province di Messina, Catania e Siracusa per un totale di circa duecentocinquanta chilometri di percorrenza.

Il progetto, che coinvolge trentasei Comuni, rientra nelle rete delle ciclovie nazionali, a loro volta ricomprese nelle direttrici europee “Eurovelo 5” (Ciclovia Franchigena) ed “Eurovelo 7” (Ciclovia del Sole).

La “Ciclovia della Magna Grecia” è ancora in fase di studio, ma all’orizzonte si profilano alcune scadenze per accelerare la sua concreta realizzazione: entro il prossimo 10 luglio (quindi tra meno di un mese) i Comuni coinvolti sono chiamati ad esprimere il loro assenso al percorso ed a proporre eventuali variazioni, mentre entro dicembre 2020 dovrà essere pronto il progetto preliminare.

Tutte queste informazioni sono state acquisite dal vicesindaco ed assessore alla Viabilità di Giardini Naxos, Carmelo Giardina (nel riquadro in foto), in occasione della sua partecipazione a Palermo ad un recente incontro operativo (svoltosi presso la sede della Regione Siciliana) convocato dall’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Marco Falcone per discutere, insieme a vari rappresentanti istituzionali (dei Comuni, delle Soprintendenze, delle Università, dell’Azienda Forestale, degli Enti Parco, ecc.), della fattibilità tecnico-economica della “Ciclovia della Magna Grecia”.

Come ha dichiarato il vicesindaco naxiota Giardina di ritorno dall’incontro palermitano, «la C.M.G. è senz’altro un’opportunità da cogliere al volo perché permette di riscoprire e valorizzare tutto quello che i nostri territori offrono in termini di ambiente, beni artistico-culturali e tradizioni. Ed è un’opportunità soprattutto per Giardini Naxos, che da tempo la nostra Amministrazione Comunale si sta impegnando a trasformare in una “Smart City”, ossia una “città intelligente” che, come tale, dovrà puntare molto sul turismo e sulla mobilità sostenibili, di cui proprio le piste ciclabili costituiscono delle infrastrutture essenziali».

In ogni caso – aggiungiamo noi – un progetto che si richiama alla Magna Grecia non avrebbe assolutamente potuto ignorare la cittadina di Giardini Naxos, che è stata storicamente la prima colonia greca della Sicilia.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche