Aggredirono brutalmente due panettieri a Giardini Naxos: le condanne in primo grado VIDEO -
Catania
30°

Aggredirono brutalmente due panettieri a Giardini Naxos: le condanne in primo grado VIDEO

Aggredirono brutalmente due panettieri a Giardini Naxos: le condanne in primo grado VIDEO

Si è concluso il processo in primo grado presso la Seconda Sezione penale del Tribunale di Messina che vedeva imputati il pregiudicato 26enne Alaieddine Oueslati di origine tunisina ma giarrese di nascita (con precedenti per droga), il 21enne Paolo Pirrera di Riposto, il 22enne Daniele Crimi di Fiumefreddo di Sicilia ed il 23enne Giorgio Sala di Giarre e sono state quindi emanate le condanne: 9 anni e 6 mesi a Alaieddine Oueslati, otto anni e sei mesi a Paolo Pirrera, Daniele Crimi e Giorgio Sala.

I quattro secondo le indagini dei carabinieri hanno aggredito, a seguito di una discussione per futili motivi, le due vittime – padre e figlio, panettieri di Giardini Naxos – percuotendoli ripetutamente con estrema violenza, anche con l’uso di un bastone, e a seguito della brutale aggressione abbiano causato lesioni gravissime alle vittime.

IL VIDEO DELL’AGGRESSIONE

I FATTI Nel cuore della notte del 17 marzo scorso, poco dopo le 2.30,  i 4 giovani si erano recati presso il panificio e il tunisino Oueslati, all’interno delll’attività di vendita a Giardini nel quartiere Calcarone, mentre attendeva di essere servito, stava confezionando uno spinello e per questo è stato ripreso dal più giovane dei titolari, un 33 enne di Giardini.

Dopo questa prima conversazione all’interno dell’esercizio, la discussione è continuata anche all’esterno del panificio e Oueslati reagiva violentemente e iniziava a colpire il giovane panettiere.

Nei secondi seguenti anche i suoi complici lo raggiungevano e lo collaboravano nel selvaggio pestaggio della vittima ormai inerme in terra ed i quattro alternandosi colpivano anche il padre di 73 anni,  intervenuto in soccorso del figlio ormai in balia degli aggressori.

Il pestaggio, al quale assistevano anche una cliente ed una dipendente della panetteria che a loro volta cercavano di intervenire per bloccare gli aggressori, si protraeva per quasi un minuto prima che i giovani si allontanassero a bordo di una Lancia Y bicolore.

Il panettiere di 34 anni fu ricoverato in prognosi riservata all’ospedale San Vincenzo di Taormina, in seguito ad una grave lesione permanente a un rene, tanto da rendersi necessario il trattamento salva vita della dialisi. L’uomo ha riportato anche un trauma cranico toracico e addominale chiuso, frattura, contusioni a un dito, escoriazioni al viso.

L’altro ferito, il padre 73enne del ferito più grave, ha riportato ferite lacero contuse falange intermedia lato palmare terzo dito mano, escoriazioni varie e lesioni giudicate guaribili in 7 giorni.

Potrebbero interessarti anche