San Giovanni La Punta si prepara ad accogliere "Sant'Agata Duci d'Amuri" -
Catania
10°

San Giovanni La Punta si prepara ad accogliere “Sant’Agata Duci d’Amuri”

San Giovanni La Punta si prepara ad accogliere “Sant’Agata Duci d’Amuri”

L’originale riproduzione a grandezza naturale del busto reliquiario della patrona di Catania, realizzata dal gruppo di cake designer siciliane dell’associazione nazionale “Ristoworld Italy”, sarà per due giorni “in trasferta” presso un noto centro commerciale del Comune etneo. Un’opera unica nel suo genere che ha richiesto cinquemila ore di lavoro

Un’opera unica nel suo genere potrà essere ammirata il 16 e 17 febbraio prossimi a San Giovanni La Punta presso il Parco Commerciale “Le Zagare”, dove verrà esposta la riproduzione del busto reliquiario di Sant’Agata, patrona di Catania, realizzata in porcellana fredda dal gruppo di cake designer di “Ristoworld Italy”, associazione nazionale di cucina, pasticceria, ristorazione e turismo presieduta dal giovane chef Andrea Finocchiaro.

Come spiega il giornalista Marcello Proietto Di Silvestro, segretario nazionale di “Ristoworld” e direttore responsabile della rivista “Ristonews”, «sarà come trasferire una tappa delle festività Agatine presso una location della provincia etnea. Per la prima volta quest’opera verrà esposta in un luogo diverso dalla chiesa catanese di Sant’Agata La Vetere, dove da un anno è custodita in una teca».

“Sant’Agata Duci d’Amuri” è la denominazione data all’evento, il cui programma prevede l’esposizione gratuita al pubblico del particolare busto reliquiario, una mostra di oggetti del culto Agatino ed una degustazione di prelibatezze dolciarie siciliane. L’inaugurazione avverrà sabato 16 febbraio alle ore 17,00 alla presenza delle autorità civili e religiose. L’indomani, domenica 17 febbraio, sempre alle ore 17,00 si terrà la conferenza delle autrici dell’opera, le quali illustreranno al pubblico il lavoro svolto ed i dettagli tecnici.

A prendere la parola sarà, in particolare, Agata Consoli, di Adrano, ideatrice del progetto “Agata Duci D’Amuri” e coordinatrice del team che l’ha materialmente realizzato, composto da artiste provenienti da tutta la Sicilia che hanno lavorato a distanza per poi assemblare tutte le parti dell’opera finale. Si tratta di Caterina Tarantino, Silvia Costanzo, Erika Maniscalco, Carmen Bonanno (Palermo), Flavia Stroscio (Zafferana Etnea), Stefania Buffardeci (Misterbianco), Paola Origlio (Biancavilla), Letizia Disca (Niscemi), Rosy Carrubba (Caltagirone), Antonella Meli (San Pietro Clarenza), Marzia Caruso, Giusy Capone, Anastasia Scalia (Catania), Silvana Consoli ed Adriana Scarlata (Adrano).

Da sinistra Marcello Proietto Di Silvestro ed Andrea Finocchiaro, rispettivamente segretario e presidente di Ristoworld Italy

Il segretario nazionale di “Ristoworld Italy”, Marcello Proietto Di Silvestro, anticipa intanto che «la particolarità di quest’opera, realizzata in circa cinquemila ore di lavoro dalle eccellenze del cake design siciliano espresse dalla nostra organizzazione, consiste nell’aver riprodotto fedelmente ed in scala reale (1:1) il busto reliquiario di Sant’Agata, gioielli compresi, utilizzando tecniche di modelling e flower, ma anche pittura e decorazione a freddo ed a caldo, applicate ad un particolare materiale chiamato “porcellana fredda”, ossia una pasta modellabile composta principalmente da colla vinilica ed amido di mais (Maizena). Il progetto è stato seguito nelle sue varie fasi dal padre spirituale di “Ristoworld Italy” Mons. Benedetto Currao, canonico onorario della Basilica Vaticana di San Pietro e collaboratore di Papa Francesco. Degli importanti apporti sono inoltre venuti da Francesco Platania, che ha donato la teca, da Patrizio Tesauro di “Hobby&Art” di Caserta”, che ha contribuito al reperimento del materiale impiegato, da Salvo e Biagio Diolosà e Salvo Alberio, che hanno realizzato il backstage videofotografico, e dall’avvocato Annalisa Tomasello, che si è occupato dell’assistenza legale».

Quest’originale busto reliquiario di Sant’Agata è dunque l’ennesimo fiore all’occhiello di “Ristoworld Italy”, organizzazione che vanta oltre dieci anni di intensa attività sui fronti della valorizzazione e della tutela del patrimonio enogastronomico, culturale ed artistico italiano. Tantissimi gli eventi, i convegni ed i corsi di formazione che il presidente Andrea Finocchiaro ed i suoi qualificati collaboratori continuano incessantemente a promuovere in tutta la Penisola, senza trascurare l’impegno sociale attraverso, ad esempio, l’allestimento di cucine da campo nelle zone terremotate ed alluvionate.

CLICCARE QUI PER VISIONARE IL VIDEO DEL BACKSTAGE DELLA REALIZZAZIONE DI “AGATA DUCI D’AMURI”

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche