Giarre, voci su riapertura imminente del Pronto soccorso all'ospedale di Giarre -
Catania
24°

Giarre, voci su riapertura imminente del Pronto soccorso all’ospedale di Giarre

Giarre, voci su riapertura imminente del Pronto soccorso all’ospedale di Giarre

L’ospedale di Giarre potrebbe ritornare ad avere a breve il pronto soccorso soppresso nell’aprile del 2015 per effetto della rifunzionalizzazione del nosocomio di via Forlanini. Da Roma, confermano fonti qualificate, sarebbe infatti arrivato il disco verde al piano presentato nei mesi scorsi dal Governo Musumeci.

Secondo quanto si apprende quel piano che prevede, per l’appunto, la riattivazione del pronto soccorso al Sant’Isidoro, sarebbe stato recepito in toto per ciò che riguarda Giarre e le esigenze del distretto sanitario.

Della notizia della imminente riattivazione dell’ospedale di base con i suoi servizi connessi alla gestione delle emergenze urgenze, al momento, il sindaco, non ha diffuso alcuna comunicazione ufficiale, benchè, come detto, fonti qualificate confermano il via libera del Governo nazionale a quel piano presentato dal governatore Nello Musumeci.

Il governo nazionale ha confermato anche l’assetto del precedente piano: il “Cannizzaro”, il “Garibaldi” e il Policlinico saranno i tre Dea di secondo livello, mentre quelli di primo livello saranno il “Gravina” di Caltagirone e l’ospedale di Acireale. Presidi di base, oltre a quello di Giarre saranno quelli di Biancavilla e Paternò che quindi eviteranno la chiusura, mentre la struttura di Militello Val di Catania diventa struttura in zona disagiata.

Entro il 15 gennaio prossimo l’assessore regionale alla Salute,  Ruggero Razza, dovrà adottare il decreto definitivo di approvazione della nuova rete ospedaliera, tenendo conto di alcune prescrizioni pervenute dal Ministero della Salute.

Intanto la commissione Affari istituzionali dell’Ars ha dato parere favorevole alla nomina dei direttori generali delle Aziende sanitarie e ospedaliere.  Il parere riguarda Giorgio Giulio Santonocito (Azienda sanitaria provinciale di Agrigento); Alessandro Caltagirone (Asp di Caltanissetta); Maurizio Letterio Lanza (Asp di Catania); Francesco Iudica (Asp di Enna); Paolo La Paglia (Asp di Messina); Daniela Faraoni (Asp di Palermo); Angelo Aliquò (Asp di Ragusa); Salvatore Lucio Ficarra (Asp di Siracusa); Fabio Damiani (Asp di Trapani); Roberto Colletti (Arnas Civico Di Cristina-Benfratelli di Palermo); Fabrizio De Nicola (Arnas Garibaldi di Catania); Mario Paino (Azienda ospedaliera Papardo di Messina); Walter Messina (Azienda ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello di Palermo); Salvatore Emanuele Giuffrida (Azienda ospedaliera per l’emergenza Cannizzaro di Catania).

Potrebbero interessarti anche