A Trecastagni “Provare per credere”: spettacolo teatrale con 11 attori disabili -
Catania
26°

A Trecastagni “Provare per credere”: spettacolo teatrale con 11 attori disabili

A Trecastagni “Provare per credere”: spettacolo teatrale con 11 attori disabili

“Provare per credere. Il racconto che incanta”, il nuovo lavoro teatrale realizzato dal Consorzio Siciliano di Riabilitazione di Viagrande  in scena giovedì 9 aprile, alle 20.30, al Teatro comunale di Trecastagni. Spettacolo teatrale, scritto e diretto da Giorgia Portelli, in collaborazione con Daniele Greco, Elisa Greco e Mario Calì, che unisce elementi di recitazione, canto e ballo e che porta sul palco anche undici ragazzi e ragazze con disabilità di diverso tipo, tutti assistiti dal centro di riabilitazione Csr di Viagrande.

“Il percorso che ha portato all’esibizione è stato avviato sei mesi fa – spiega Giorgia Portelli, animatrice dell’iniziativa –. Il nostro obiettivo anche quest’anno non è stato quello di far nascere cantanti, attori o ballerini, ma semplicemente di far scoprire a questi ragazzi i piccoli grandi talenti che ognuno di loro ha e che, magari, non avrebbe mai pensato di possedere. Questa seconda edizione segue lo stesso percorso della prima, ma con nuove sfide per i nostri ragazzi, a cui abbiamo chiesto maggiore espressività”.

Il cast è composto da 11 attori disabili del Csr: Nino Cucinotta, Nino Torre, Toni Colella, Adele Isola, Carmelo Sciuto, Cecilia Di Mauro, Biagio Lombardo, Agata Valgutti, Gabriele Poli, Angela Caruso, Isabella Strazzeri. In scena anche attori “esterni” al Csr: Giuseppe Previti, Alfio Messina, Federica D’Arrò, Alessandro Proietto, Fabrizio Messina e il piccolo Tommaso Cutore.

La scenografia è di Giorgio Migliori; i costumi sono di Elisa Drago e Giovanna Corseri; il  service video è di  Salvo Marotta; le  luci, audio, il suono sono della Ditta Noè; aiuto di scena, Salvo Corsaro; per il trucco, Valeria Carrubba e Mariana Ignoti; l’organizzazione è di  Anna Talbot. L’ingresso è gratuito.

Orazio Vasta

Potrebbero interessarti anche