“Ciak, si gira” alle Gole dell’Alcantara -
Catania
30°

“Ciak, si gira” alle Gole dell’Alcantara

“Ciak, si gira” alle Gole dell’Alcantara

Nei prossimi giorni il famoso e pluripremiato regista di “Gomorra”, Matteo Garrone, ambienterà nel suggestivo e rinomato sito turistico di Motta Camastra alcune scene del suo nuovo film “Il racconto dei racconti”, ispirato alle fiabe popolari del Sud Italia e destinato alle sale cinematografiche di tutto il mondo

Con il fascino “selvaggio” della loro natura, le Gole dell’Alcantara costituiscono senz’altro un luogo tra il leggendario ed il fiabesco. Se ne è reso conto anche il famoso regista romano Matteo Garrone, noto soprattutto per la sua trasposizione cinematografica del best seller “Gomorra” di Roberto Saviano, ma anche per essere stato ben due volte vincitore dell’ambito Gran Premio della Giuria al prestigioso Festival di Cannes (con il prima citato “Gomorra” e con “Reality”). Tra i set della sua prossima produzione, infatti, Garrone ha inserito l’incantevole sito naturalistico ricadente nel territorio di Motta Camastra e, ormai da oltre mezzo secolo, promosso nel mondo dalla famiglia Vaccaro, che l’ha reso fruibile turisticamente.

E la scelta non è stata affatto casuale in quanto per questo lungometraggio necessitano location “da favola”, come per l’appunto i suggestivi e colossali canyon di basalto lavico etneo formatisi nei millenni con lo scorrere delle acque del fiume Alcantara. Già dal titolo “Il racconto dei racconti” si intuisce che il film in questione si incentrerà su atmosfere fantastiche ed “incantate”, ossia quelle evocate dalla raccolta “Lo cunto de li cunti – Lo trattenemiento de peccerrille” pubblicata intorno al 1600 dallo scrittore campano Giambattista Basile ed alla quale Garrone si è ispirato per questa sua nuova fatica cinematografica. Si tratta, in pratica, di una “risposta” napoletana al “Decamerone” del Boccaccio consistendo in un’antologia di cinquanta fiabe popolari del Meridione d’Italia raccontate nell’arco di cinque giornate da dieci narratrici (tale opera del Basile, difatti, è anche conosciuta come “Pentamerone”).

Il nuovo lavoro di Matteo Garrone, prodotto dalla sua “Archimede S.r.l.”, godrà di una distribuzione internazionale (curata dalle Società “Le Pacte” ed “Han Way Films”), così come internazionale è il cast reclutato per l’occasione dal regista romano, di cui fanno parte, tra gli altri, il gettonatissimo attore francese Vincent Cassel (ex marito di Monica Bellucci) e l’avvenente attrice messicana Salma Hayek. Ed a riprova della dimensione mondiale di questa nuova opera del regista di “Gomorra”, “Il racconto dei racconti” (le cui riprese sono previste durante i prossimi mesi anche in altre incantevoli località dell’Italia Meridionale) verrà recitato interamente in inglese per poi essere doppiato nelle lingue dei singoli Paesi in cui sarà distribuito.

«Con il nostro “Parco Botanico e Geologico” – dichiara l’avvocato Alessandro Vaccaro, gestore insieme ai fratelli Maurizio e Nino delle strutture turistico-ricettive al servizio delle Gole dell’Alcantara – siamo lieti ed onorati di poter fare anche noi da supporto, nei prossimi giorni, a tale produzione cinematografica dall’indiscusso valore artistico e culturale, come si evince pure dal sostegno che essa ha ricevuto dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo. Siamo più che certi dell’importante e significativo effetto promozionale di cui, attraverso la risonanza internazionale di questo film, la Valle dell’Alcantara beneficerà, un po’ come quando, in passato, a Motta Camastra vennero girate alcune scene dell’immortale “Il Padrino” di Francis Ford Coppola e, qui alle Gole, “I Paladini” di Giacomo Battiato».

Ed anche l’Amministrazione Comunale di Motta Camastra si sta attivando per consentire alla troupe di Matteo Garrone di poter lavorare agevolmente nei giorni fissati per le riprese alle Gole dell’Alcantara; con apposita ordinanza, in particolare, il sindaco Claudio Bartucciotto ha già disposto la chiusura temporanea della scala pubblica di accesso al sito durante la lavorazione del film, ossia nelle quattro giornate comprese tra il 13 ed il 16 maggio prossimi.

E chissà che non ci scappi… un “Oscar”! Lo auguriamo a Garrone, ai suoi attori ed, ovviamente, anche alla Valle dell’Alcantara.

Rodolfo Amodeo   

 

FOTO: il regista Matteo Garrone e, sullo sfondo, un caratteristico scorcio delle Gole dell’Alcantara

Potrebbero interessarti anche