Indennità di posizione dirigenti Comune Giarre: chi sale, chi scende e chi rimane in disgrazia -
Catania
18°

Indennità di posizione dirigenti Comune Giarre: chi sale, chi scende e chi rimane in disgrazia

Indennità di posizione dirigenti Comune Giarre: chi sale, chi scende e chi rimane in disgrazia

Ammonta a 125 mila 544,04 la retribuzione di posizione dirigenziale per i cinque dirigenti comunali Maurizio Cannavò (I Area); Letterio Lipari (II Area); Pina Leonardi (III Area); Venerando Russo (IV Area); Pippo Panebianco (V Area); Letterio Lipari (VI Area ad interim).
Lo si apprende dalla determinazione dirigenziale n. 533 del 24 dicembre 2013 con la quale è stata definita la retribuzione di posizione per l’anno 2013, nell’Era Bonaccorsi. E nella ripartizione delle somme, effettuando una comparazione con il 2012, si possono notare dei cambiamenti di strategia nell’assegnazione dei fondi. Si scopre, ad esempio, che Maurizio Cannavò nel 2013 ha una indennità di posizione pari a 27 mila euro, mentre nel 2012 con il sindaco Teresa Sodano, gli erano stati assegnati 24 mila euro. E come spesso accade nelle scale della meritocrazia (non sappiamo se il caso è calzante)  c’è chi scende e chi, invece, sale. E chi, invece, come il dirigente della IV Area, arch. Venerando Russo, non solo non è mai sceso, ma addirittura continua a mantenere stabile la propria posizione recitando la parte del leone a fronte dei suoi 35 mila euro di indennità per l’anno 2013, esattamente come per il 2012.
E capita pure ciò non ti aspetti.
Nella ripartizione della retribuzione di posizione si scopre che il dirigente della V Area, avv. Pippo Panebianco, esce finalmente dal suo lungo periodo di “disgrazia” passando nel giro di 12 mesi dai 14 mila del 2012 ai 23 mila 444,04 del 2013.
Niente male per il sempre eterno democristiano, ex vice segretario, carica poi persa dopo essere stato silurato dal sindaco pro tempore Teresa Sodano per avere segnalato presunti conflitti di interesse parentale dell’ex direttore dell’istituto musicale, finanziato con fondi della Provincia regionale di Catania, e che l’ex governatore Lombardo aveva voluto a Giarre.
E osservando attentamente i numeri è facile capire come un Impero consolidato negli anni, possa trasformarsi in piccolo accampamento.
Non scopriamo l’acqua calda se il dirigente della II Area, Letterio Lipari, nel 2012, in piena era Sodano vantava una indennità di posizione di 38.444,04.
Con l’arrivo del sindaco-nemico, Roberto Bonaccorsi, Lipari se da un lato conquista ad interim la guida di due aree (la II e la VI), dall’altro si vede ridimensionare non solo il suo potere contrattuale ma anche e soprattutto quello economico: 26 mila euro nel 2013 è la somma che gli è stata riconosciuta.
Decisamente stazionaria in negativo (vuoi vedere che rileva l’infausta “sfiga” di Panebianco) è  l’ing. Pina Leonardi, dirigente della III Area. Nel 2012 così come nel 2013, gli vengono riconosciuti 14 mila euro.
Problemi di meritocrazia? Piano di stabile sbagliato? Ingordigia di Rup?
Alla fine conta il risultato: per i cinque dirigenti comunali 125 mila euro solo di indennità. Meditate giarresi. Meditate.

GUARDA LE  indennità 2012

GUARDA LE  indennità 2013

Potrebbero interessarti anche