Catania
18°

Francavilla: vinta la “guerra” per il Giudice di Pace

Francavilla: vinta la “guerra” per il Giudice di Pace

Il Ministero della Giustizia ha disposto il mantenimento del presidio giudiziario di base della cittadina dell’Alcantara, cui fanno riferimento anche diversi altri Comuni del comprensorio

Tra un problema e l’altro, ogni tanto qualche buona notizia giunge anche per la “travagliata” comunità di Francavilla di Sicilia nonché per i paesi ad essa viciniori. L’ufficio del Giudice di Pace della cittadina dell’Alcantara è rientrato, infatti, tra i 285 di cui il Ministero della Giustizia ha disposto, tramite un recente decreto, il mantenimento (nell’area jonica messinese sono, invece, stati soppressi gli analoghi uffici operanti a Taormina ed Alì Terme).

Gli amministratori comunali francavillesi (grazie soprattutto all’interessamento ed all’impegno del presidente del Consiglio nonché avvocato Alessandro Vaccaro) e quelli dei Comuni limitrofi rientranti nella competenza del Giudice di Pace in questione (ossia Santa Domenica Vittoria, Roccella Valdemone, Mojo Alcantara, Malvagna, Motta Camastra, Gaggi e Graniti) si sono, dunque, presentati con tutte le carte in regola per poter conservare il basilare presidio giudiziario (competente per le violazioni al Codice della Strada, per i rapporti di vicinato e condominiali e per piccoli reati quali percosse, ingiurie, ecc.): in ossequio a quanto disposto dal decreto legislativo n. 156 del 7/9/2011, le otto municipalità alcantariane hanno, infatti, provveduto a consorziarsi tra loro impegnandosi ad affrontare ognuna “pro quota” i costi dell’ufficio del Giudice di Pace di Francavilla, destinandovi proprio personale amministrativo e provvedendo a pagare le spese di gestione (luce, acqua, pulizie, cancelleria, ecc.).

Sino ad oggi, il Giudice di Pace francavillese è stato ospitato in un immobile privato di Via Regina Margherita (nella foto) preso in locazione, ma i rappresentanti degli otto Comuni dell’Alcantara hanno convenuto di trasferire i relativi uffici in un immobile pubblico in maniera tale da evitare di dover continuare a pagare un canone d’affitto.

Con il “salvataggio” del Giudice di Pace di Francavilla, nella Valle dell’Alcantara, nonostante la grave perdita del Tribunale di Taormina (soppresso alcuni mesi fa), un “minimo” di giustizia continua a… regnare.

Rodolfo Amodeo 

Potrebbero interessarti anche