Eccellenza di gran pregio -
Catania
12°

Eccellenza di gran pregio

Eccellenza di gran pregio

Lo sviluppo dell’industria serica catanese ricostruita dallo storico Francesco Tornabene nel corso di un suo intervento del 1857

 

Abbiamo ripreso i dati storici da varie fonti librarie di biblioteche pubbliche e da un testo del professore di botanica P. D. Francesco Tornabene che ricostruisce la storia dell’imprenditoria serica a Catania nel momento in cui, nel 1857, prende la parola per il “Discorso pronunziato nel conferire la medaglia di premio del Regio Istituto di incoraggiamento a sette catanesi il 4 ottobre 1857”. Egli è Priore benedettino in Catania, docente universitario di botanica, segretario generale dell’Accademia Gioenia, docente di agraria al “Regio Istituto Tecnico di Catania”, oggi “I.I.S.S. Carlo Gemmellaro”. Nel momento in cui l’oratore parla su fatti e personaggi della filiera tessile in Catania sono presenti in città circa un migliaio di telai di tessitura e 170 telai modello Jacquard.

Il Tornabene, nel ricostruire la storia dell’esistenza a Catania della manifattura dei tessuti di seta, rinomati, concorrenziali, afferma che questa produzione ha superato quella delle altre città e centri urbani dell’isola dove essa è stata esercitata. Egli prosegue citando i titolari di questa particolare filiera industriale, che hanno concorso a produrre, con l’esercizio di macchine dotate con un particolare pettine che produce tessuti di sette palmi (in misura), con produzione di scelto crespo, di scelto arsoe, a organzino, rasati, lucidi, misti (tabì), fazzolettini, stoffe rasati, crò, terzanelli, lustrini, le nobiltà, le taffetà, le marcelline; mentre antica è l’arte di dare l’onda alle stoffe, fin dalla metà del ‘500. Tanto è la validità di produzione di questo comparto industriale che in una mostra regionale dell’industria siciliana, tenutasi il 31 luglio del 1837, all’imprenditore della seta Mariano Zuccarello Sergi di Catania, per la qualità del tessuto prodotto, è assegnata la medaglia d’oro di seconda classe per avere condotto la produzione dei tessuti pari a livello europeo.

Il Tornabene focalizza l’attenzione degli ascoltatori citando che nel monastero di San Nicolò l’Arena si possedeva, fatto dono dalla regina Bianca (di Navarra): un piviale, una pianeta, due tunicelle, un pallio d’altare di colore scarlato, a disegno regolare, a scudo e a strisce; tutta produzione in seta e filo d’oro d’alto pregio e di alto costo economico, che nel suo intervento di cerimonia lo ha messo in confronto e in parallelo con il Exarentasmata (parola tecnica latino-tardomedievale che definisce una modalità del tessere il filo d’oro con il filo di seta), tipologia di tessuti di seta che venivano prodotti nell’Ergasterion di Palazzo dei Normanni di Palermo. Egli afferma, inoltre, di averlo mostrato (in un momento precedente) a un vecchio e sperimentato setajolo di Catania, il quale gli ha confermato che questo modo di tessere con il telaio insieme il filo di seta e il filo d’oro, in quella modalità, si è sempre operato e prodotto in questa città. Vi è di più, per la buona gola dei suoi concittadini, ha ricordato ed evidenziato che a Catania si produceva della ottima cioccolata fondente, detta cioccolatta della buona salute, priva di burro e di aromi, in elenco per la omeopatica, per l’uso medico, quindi con potenzialità antiossidante.

Non solo questa: vi sono altre filiere in Sicilia e in Catania, del cotone, del lino, del vino, dello zolfo, e di altri prodotti dell’agricoltura. L’imprenditoria serica è stata presente prevalentemente in Val Demone, da Messina a Catania, sulla riviera tirrenica, in Acireale, in Mascali, Taormina, Giardini Naxos, con la piana dell’Alcantara, Linguaglossa (nel cui territorio esisteva un bosco di gelsi), verso Forza d’Agrò, nella contrada San Clemente, nella fiumara e contrada Zaera. A Mirto (Messina) vi è il “Museo del Costume e della Moda Siciliana” con i campioni dei vestiti di seta prodotti in Sicilia, esposti in un edificio a tre ordini di costruzione, testimonianze della produzione e del commercio dei tessuti di seta.

Tonio Troina

Potrebbero interessarti anche