Giarre, fratelli "prodigio" conquistano i palcoscenici dei concorsi musicali siciliani -
Catania
23°

Giarre, fratelli “prodigio” conquistano i palcoscenici dei concorsi musicali siciliani

Giarre, fratelli “prodigio” conquistano i palcoscenici dei concorsi musicali siciliani

Due giovani fratellini di Giarre stanno conquistando il mondo della musica classica con il loro straordinario talento. Matteo e Andrea Spartà, rispettivamente di 12 e 9 anni, hanno recentemente vinto numerosi concorsi musicali, affermandosi come veri e propri prodigi.

Matteo, il maggiore, suona il pianoforte con una maestria sorprendente per la sua età. Ha recentemente trionfato al XXV Concorso Musicale Nazionale “P. Mandanici” vincendo anche il premio speciale come “Giovane Promessa” e impressionando i giudici con la sua interpretazione della “Sonatina” di Kabalevskij. Ha inoltre conquistato il primo premio nei concorsi musicali “Città di Siracusa”, “Battiati in Musica” e “Riviera Ionico-Etnea”. Matteo, che ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di sette anni, è guidato dal Maestro Agata Marino e dal padre, un noto insegnante di pianoforte e jazzista.

Andrea, il fratellino minore, è un prodigio della chitarra. Ha vinto il primo premio assoluto al “Concorso Riviera Ionico-Etnea” e ha trionfato nei concorsi musicali “Amigdala International Music Competition”, “Città di Siracusa”, “Battiati in Musica” e “P. Mandanici”, incantando il pubblico con la sua esecuzione de “Omaggio a Prokofiev” di Leo Brower e altre famose composizioni. Andrea, che ha scelto la chitarra a soli sei anni, è seguito dal Maestro Salvatore Visalli, che lo ha introdotto alle note e alle sonorità raffinate fin da piccolissimo.

I genitori dei ragazzi, entrambi insegnanti, sono il cuore del successo dei loro figli. Il padre, Gaetano Spartà, è un talentuoso e rinomato pianista jazz che ha trasmesso a Matteo la passione per il pianoforte e ha coltivato in Andrea l’amore per la chitarra. “Abbiamo sempre voluto che i nostri figli trovassero gioia nella musica,” racconta Gaetano. “Siamo orgogliosi di vedere come stiano crescendo come musicisti e come persone.”

Con una famiglia che li sostiene e un talento naturale, Matteo e Andrea sono destinati a brillare ancora di più nel futuro. La loro straordinaria storia è un esempio di come la passione, il duro lavoro e il sostegno familiare possano portare a incredibili risultati.

Potrebbero interessarti anche