Giarre, allarme eternit nel greto del torrente Macchia. Diffida della Prefettura -
Catania
23°

Giarre, allarme eternit nel greto del torrente Macchia. Diffida della Prefettura

Giarre, allarme eternit nel greto del torrente Macchia. Diffida della Prefettura

Una serie di incendi appiccati nel greto del torrente Macchia, in prossimità di Strada 72 a Santa Maria la Strada, ha sollevato seri allarmi per la salute pubblica nella zona densamente popolata all’ingresso nord della città di Giarre.

Le fiamme, oltre a provocare danni ambientali, hanno interessato cumuli di materiali altamente nocivi, tra cui eternit, rilasciando nell’aria fibre cancerogene durante la combustione.

A seguito dei roghi, i vigili del fuoco, intervenuti in due distinti episodi il 10 e 29 aprile, hanno inoltrato una segnalazione urgente alla Prefettura di Catania. Riconoscendo il grave pericolo per la salute pubblica, la Prefettura ha diffidato il Comune ad intervenire tempestivamente per la bonifica dei siti contaminati.

L’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Cantarella, si è immediatamente attivata, predisponendo un sopralluogo nel tratto di torrente interessato.  L’ispezione ha infatti confermato la presenza di circa 5 mila kg di materiali altamente nocivi, tra cui eternit, abbandonati illegalmente e parzialmente inceneriti dai roghi dolosi.

Sono stati individuati 7 siti distinti contaminati, per i quali è stato elaborato un piano di bonifica con un impegno di spesa stimato di circa 25 mila euro. Dal Comune fanno sapere che  i lavori di bonifica, che saranno affidati ad una ditta specializzata, avranno inizio entro la prima decade di giugno e si concluderanno nel giro di una settimana.

Potrebbero interessarti anche