Dopo il caos sui parchi inclusivi, nuova "sberla" per l'Amministrazione Cantarella. Il Tribunale reintegra l'ing.Leonardi -
Catania

Dopo il caos sui parchi inclusivi, nuova “sberla” per l’Amministrazione Cantarella. Il Tribunale reintegra l’ing.Leonardi

Dopo il caos sui parchi inclusivi, nuova “sberla” per l’Amministrazione Cantarella. Il Tribunale reintegra l’ing.Leonardi

Per l’Amministrazione Cantarella è una sonora batosta. La seconda del 2024 e forse, purtroppo, non l’ultima. Una sentenza destinata a creare un vespaio, terremotando il già precario “telaio” politico amministrativo.

Il Tribunale del Lavoro di Catania ha condannato il Comune di Giarre al risarcimento del danno patrimoniale e al pagamento delle spese legali  (oltre 5 mila euro, a cui si aggiungono le somme per il legale incaricato dal Comune) per il collocamento a riposo anticipato dell’ingegnere Pina Leonardi, dirigente dell’Area tecnica del Comune, che si era opposta.

Il Tribunale ha ritenuto che il Comune non abbia fornito adeguata motivazione delle ragioni e dei concreti criteri sottesi alla risoluzione del rapporto nei confronti dell’ingegner Leonardi, né con il preavviso di collocamento a riposo e con la successiva determinazione n. 43 del 30 ottobre 2023, né con l’atto di indirizzo a monte di cui alla deliberazione di Giunta del 19 gennaio 2023.

In particolare, il Tribunale ha rilevato che il Comune non ha prodotto alcun atto di riorganizzazione funzionale a manifestare le esigenze perseguite dall’ente, che giustificherebbero la soppressione del posto di lavoro dell’ingegner Leonardi.  In sintesi il Tribunale ha dichiarato illegittimo il collocamento in quiescenza anticipato – di cui alla nota prot. 2812 del 20.1.2023 – e alla successiva determinazione dirigenziale n. 43 del 30.1.2023 e per l’effetto ha condannato il Comune di Giarre a riammettere in servizio l’ing. Leonardi a decorrere dall’1.8.2023.

L’Amministrazione Cantarella dovrà quindi procedere all’avvio delle pratiche di reintegrazione, alla guida dell’Area tecnica, dell’ing.Leonardi. Il tema sarà al centro della seduta di Giunta in programma per domani sera in municipio, in un clima che si annuncia particolarmente rovente. Il sindaco Cantarella, stamane interpellato sulla sentenza in favore dell’ing.Leonardi, non ha voluto commentare, mentre il riferimento politico della dirigente Leonardi, l’assessore ai Lavori pubblici, Claudio Raciti ha osservato che: “Le sentenze non si commentano. Tuttavia mi fa piacere che torna un ingegnere alla guida dell’area tecnica. Quanto ai risarcimenti decretati dal tribunale è giusto che gli vengano liquidati”.

LE REAZIONI

Durissimo il consigliere di maggioranza Santo Primavera: “E’ senza dubbio un verdetto assai pesante e oneroso economicamente per il Comune di Giarre. Nonostante il Consiglio abbia destinato notevoli risorse anche sulla spesa del personale che si occupa di affari legali, assumendo perfino nuove unità, la gestione legale in conclusione fa acqua da ogni parte. A fine 2023 la Prima Commissione consiliare, in seduta aveva notato proprio questo. Tutto preannunciato dal sottoscritto. Sono stato l’unico consigliere a presentare una specifica interrogazione sul caso Leonardi evidenziandone in aula le violazioni nel procedimento di quiescenza coatto. In quella occasione, in aula consiliare, ho solo notato il notevole imbarazzo in cui si ritrovava l’assessore Claudio Raciti”.

Dal canto suo, l’ing. Pina Leonardi ha rappresentato il suo apprezzamento per il lavoro profuso dagli avvocati Febo Battaglia e Concetto Ferrarotto.

Potrebbero interessarti anche