Contrasto all’illegalità diffusa a largo raggio -
Catania
23°

Contrasto all’illegalità diffusa a largo raggio

Contrasto all’illegalità diffusa a largo raggio

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Fontanarossa unitamente ai militari del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Catania hanno eseguito un servizio a largo raggio del territorio, finalizzato al contrasto dell’illegalità diffusa e, in particolare, dello spaccio di sostanze stupefacenti.

I militari dell’Arma si sono recati nei pressi di uno stabile di viale Nitta, già in precedenza teatro di analoghe attività di contrasto allo spaccio, dove hanno potuto osservare immediatamente il classico via vai di persone.

I Carabinieri hanno raggiunto l’androne del palazzo hanno individuato l’appartamento trasformato in “punto vendita” e, approfittando della presenza di un “cliente” davanti alla porta, sono riusciti ad avvicinarsi, senza essere visti, in modo da poter accedere.

Nell’appartamento hanno trovato il 23enne, pregiudicato catanese, il quale è stato sorpreso mentre armeggiava vicino ad un tavolo sul quale i militari hanno trovato, nella disponibilità del giovane, un involucro contenente 2 grammi di crack, un altro del peso di 4,5 grammi di cocaina, un bilancino di precisione perfettamente funzionante e materiale vario per il confezionamento della droga.

Il 23enne ha poi “spontaneamente” consegnato ai Carabinieri, prelevandola da una tasca dei pantaloni, la somma in denaro contante di 100 euro suddivisa in vari tagli ritenuta provento dello spaccio e sequestrata come la droga.

I militari operanti hanno trovati sul tavolo anche foglietti manoscritti con l’indicazione della droga con i nomi “cosa” e fum, nonché, delle relative quantità vendute e di quelle rimaste nella sua disponibilità.

Al termine dell’ispezione dei locali dell’appartamento i militari, in prossimità del predetto tavolo, hanno anche trovato un monitor collegato ad una microcamera ben nascosta nell’interruttore della luce posto all’esterno della porta di ingresso che consentiva al giovane un’ampia visuale di tutto il pianerottolo.

I Carabinieri hanno pertanto arrestato in flagranza il 23enne, per il reato di “detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”, sottoponendolo agli arresti domiciliari su disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ha convalidato l’arresto.

Nel medesimo contesto operativo i Carabinieri del Radiomobile transitando in via Capo Passero hanno notato, in una zona interna che immette in una campagna, un “capannello” di giovani intenti ad armeggiare qualcosa.

I militari, insospettiti, hanno arrestato la marcia della gazzella e sono scesi avvicinandosi per un controllo, senonché, i predetti giovani alla vista degli operanti hanno abbandonato una busta di plastica a terra e sono fuggiti, facendo perdere le loro tracce.

I Carabinieri hanno recuperato la busta di plastica al cui interno hanno trovato 258 grammi di marijuana che hanno sottoposto a sequestro a carico di ignoti.

Al termine dei controlli alla circolazione stradale, effettuati mediante diversi posti di controllo, i militari hanno contestato una trentina di violazioni al codice della Strada con conseguenti sanzioni amministrative elevate per un importo di circa 7.000 euro.

Tra le violazioni riscontrate: mancata revisione periodica, mancata copertura assicurativa, mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, guida senza patente, utilizzo telefono cellulare alla guida e guida senza casco protettivo per due centauri. È scattato altresì il sequestro amministrativo per 9 veicoli.

Potrebbero interessarti anche