Riposto, imminente la rimozione dei pontili nel primo bacino. Interdizione molo Costanzo -
Catania
19°

Riposto, imminente la rimozione dei pontili nel primo bacino. Interdizione molo Costanzo

Riposto, imminente la rimozione dei pontili nel primo bacino. Interdizione molo Costanzo

Novità importanti per il primo bacino del porto di Riposto che, finalmente, sarà a breve liberato dai vecchi pontili galleggianti. Infrastrutture che saranno prelevate e trasferite a Lampedusa, consentendo, in tal modo, di avviare nel medesimo bacino i lavori per la costruzione di un pontile unico e la contestuale realizzazione delle opere accessorie per la funzionalità portuale. “Un’opera particolarmente attesa e che conferma il nostro impegno costante – afferma il sindaco Enzo Caragliano – interventi che permetteranno di rendere il nostro primo bacino in una infrastruttura portuale all’avanguardia e pienamente rispondente alle aspettative di una città vocata al turismo”. Lavori per i quali è stata stanziata dalla Regione (assessorato alle Infrastrutture) la somma complessiva di 1 milione di euro”.

Detti fondi fanno riferimento alle risorse del Fondo di sviluppo e coesione 2014-2020 “Patto per lo sviluppo della Sicilia (Patto del sud) e consentiranno, tra l’altro, di dotare, per l’appunto, il primo bacino portuale di Riposto di nuove strutture di ormeggio, secondo le previsioni del Piano regolatore del porto. Nella giornata di ieri una delegazione dell’assessorato alle infrastrutture ha effettuato un sopralluogo, unitamente al comandante della Capitaneria di Porto di Riposto, non solo nell’area perimetrale del primo bacino ma anche nel molo Costanzo del porto commerciale, nel cui tratto finale si è verificato, a causa di una recente mareggiata, il cedimento di una porzione di mantellata. Divelto anche un palo della pubblica illuminazione e parte della recinzione della passeggiata del lungoporto.

Relativamente al trasferimento dei pontili una ditta specializzata, già individuata, si occuperà del prelievo dei materiali per poi trasferirli a Lampedusa. Attualmente è al vaglio del Circomare tutta la documentazione preliminare, al fine di autorizzare le operazioni all’interno dell’area portuale. Per motivi di sicurezza, invece, è stato inibito l’accesso al molo Costanzo, mentre una precedente ordinanza della Capitaneria ha immediatamente chiuso il varco che conduce alla passeggiata sopraelevata del porto ed è stata interdetta anche la banchina.

“Siamo finalmente giunti alle fasi finali di questo iter particolarmente travagliato – afferma l’assessore al Porto Carmelo D’Urso – siamo stati costantemente in contatto con l’assessore regionale alle Infrastrutture Alessandro Aricò che, di concerto con gli uffici competenti, ha dato impulso a questa situazione, rallentata dal fatto che a Lampedusa vi sono stati problemi di natura logistica, ora, finalmente superati. Si tratta di un carico di oltre 500 tonnellate di materiali da trasferire e, ogni fase dell’operazione dovrà essere valutata con scrupolo. La Capitaneria di porto sta visionando la documentazione per poi rilasciare le opportune autorizzazioni per l’avvio del trasferimento.”

Potrebbero interessarti anche