Randazzo: il nuovo Consiglio comunale ha eletto Carmelo Scalisi presidente, Nuccio Mollica vice -
Catania
24°

Randazzo: il nuovo Consiglio comunale ha eletto Carmelo Scalisi presidente, Nuccio Mollica vice

Randazzo: il nuovo Consiglio comunale ha eletto Carmelo Scalisi presidente, Nuccio Mollica vice

In un’aula gremita si è svolta la prima seduta del nuovo Consiglio comunale della città etnea dopo le elezioni amministrative del 12 giugno 2022. All’ordine del giorno c’era il giuramento dei consiglieri e del sindaco neo-eletto Francesco Sgroi, l’elezione del presidente e del vice presidente del Consiglio.

L’adunanza è stata presieduta, fino all’elezione del neo presidente, dalla consigliera più votata Maria Enrichetta Giardina della lista “Sgroi Sindaco. Per tutti noi randazzesi”.

Tra l’emozione dei due debuttanti (Rafia e Sariti), il ritorno o la conferma dei veterani, i lavori si sono svolti in un clima sereno, ma di continuità politica. Undici i consiglieri di maggioranza a sostegno del sindaco rieletto Sgroi, cinque i consiglieri di minoranza tra cui il candidato sindaco sconfitto Antonino Grillo (assente giustificata la consigliera Cristina Gullotto).

Dopo le formalità di rito i neo consiglieri sono stati chiamati a eleggere il presidente del consiglio. La votazione, come previsto dalla legge, si è svolta a scrutinio segreto. La maggioranza, senza alcuna défaillance, ha votato in maniera coesa il consigliere Carmelo Scalisi. A seguire è stato eletto vicepresidente, alla prima votazione, il consigliere Nuccio Mollica. Per la minoranza, invece, hanno ottenuto voti, rispettivamente, i consiglieri Ceraulo e Grillo.

Il neo presidente Carmelo Scalisi, classe 1980, libero professionista nel campo legale e tecnico edile, fedelissimo di lungo corso del sindaco Sgroi, ha ricoperto il ruolo di consigliere e di assessore, ma è alla sua prima esperienza da presidente del Consiglio comunale, benché sia stato vicepresidente nella scorsa consiliatura.

Nel suo discorso di insediamento Scalisi ha parlato di presente, ma soprattutto di futuro. Un discorso programmatico che la dice lunga su come egli intende guidare il Consiglio comunale e del modo nuovo di condurre l’ufficio di presidenza, nel rispetto dei ruoli istituzionali e delle prerogative di ciascun consigliere e degli altri organi del Comune.

Insomma una svolta che vorrebbe dare un nuovo valore politico-istituzionale al civico consesso e all’ufficio di presidenza con un ruolo propositivo e di autonomia.

“I miei sforzi come presidente del Consiglio si concentreranno su almeno quattro obiettivi – afferma Scalisi –: rispetto e rigore nell’applicazione del regolamento che disciplina la vita del consiglio comunale; approvazione, in tempi brevi, del nuovo piano regolatore generale (oggi P.U.C.), scaduto da oltre 30 anni per cui l’Ente si trova in un regime di infrazione nei confronti della Regione Siciliana; approvazione in tempi rapidi del Regolamento comunale per la cessione dei lotti artigianali Pignatuni-Arena, atto indispensabile per la consegna dei relativi opifici agli operatori economici; maggiore visibilità per la città di Randazzo in ambito nazionale ed internazionale mediante eventi che possano attrarre turismo ed investimenti, soprattutto nel settore vitivinicolo, caseario e agro-alimentare.”

Gaetano Scarpignato

Potrebbero interessarti anche