Strisce blu Giarre, Articolo 1: "Regolamentare la sosta" -
Catania
34°

Strisce blu Giarre, Articolo 1: “Regolamentare la sosta”

Strisce blu Giarre, Articolo 1: “Regolamentare la sosta”

L’associazione politico culturale Articolo 1 interviene sulla vertenza Comune-Giarre parcheggi, alla vigilia della risoluzione del contratto con i dipendenti che, dal 31 maggio prossimo saranno licenziati. Secondo Articolo 1 nella complessa vicenda spicca quel  “contratto vessatorio nei confronti dell’utenza e che rappresentava un peso ed una ipoteca quarantennale sul centro di Giarre, a causa di un sistema di stalli che impediva di fatto qualsiasi ipotesi alternativa nella gestione della mobilità mentre il parcheggio multipiano, al contrario, rimaneva quasi sempre vuoto.

Nonostante le critiche e le opposizioni, tuttavia, l’amministrazione del tempo si “ostinava” in quella scelta con i i contenziosi che ne sono seguiti ed i risultati che stiamo vedendo.  Paradossalmente, gli epigoni di quella amministrazione si trovano adesso a dover gestire i cocci di quel rapporto contrattuale.  Adesso – si legge nella nota – resta il tema del cosa fare, posto che comunque una regolamentazione della sosta è necessaria ed è praticata in tutte le città rispondendo al principio che il suolo pubblico va pagato da chi lo utilizza e che una regolamentazione è necessaria per garantire la rotazione nella sosta dei veicoli.

Resta anche la necessità di garantire la continuità del lavoro agli addetti alla sosta. Ma evidentemente tutto ciò non può essere realizzato in maniera scriteriata senza garantire la necessaria vivibilità del centro urbano di Giarre che deve riaprirsi alla pedonalizzazione e consentire attività culturali e di svago che facciano riprendere il gusto di incontrarsi e di vivere in una città a misura d’uomo.
Perciò quello che proponiamo alla Amministrazione Comunale è di rivedere il sistema degli stalli con due obiettivi: il primo privilegiare il parcheggio multipiano ed il nuovo parcheggio di via teatro e, nel medio periodo creare altri punti di sosta per accedere al centro, il secondo, liberare grazie anche a queste due strutture, il centro storico dagli stalli e dalla sosta massiva in modo da favorire la pedonalizzazione specie nel corso Italia e dare “respiro” alla città e favorire la socializzazione dei cittadini con opportune iniziative da realizzarsi di concerto con gli attori sociali che in questo contesto vivono e lavorano”.

Potrebbero interessarti anche