Serie D: pari Acireale e Biancavilla, cade il Paternò. In Eccellenza sarà Siracusa-Giarre la finale -
Catania
34°

Serie D: pari Acireale e Biancavilla, cade il Paternò. In Eccellenza sarà Siracusa-Giarre la finale

Serie D: pari Acireale e Biancavilla, cade il Paternò. In Eccellenza sarà Siracusa-Giarre la finale

Pari Acireale e Biancavilla, cade il Paternò. In Eccellenza sarà Siracusa-Giarre la finalissima per il salto di categoria

Pari per l’Acireale contro il Dattilo nello scontro diretto per i playoff e a due turni dal termine rimane ancora in bilico l’accesso agli spareggi. I granata di mister De Sanzo dovranno sfidare prima il Santa Maria Cilento in trasferta e poi in casa il San Luca e senza guardare i risultati degli altri serviranno almeno due vittorie. Vantaggio acese al 31’ del primo tempo con il tap-in di Francesco De Felice appostato davanti la porta pronto a raccogliere la respinta del portiere sul colpo di testa di Pozzebon. Pari ospite al 40’ della ripresa col neo entrato Manfrè che fredda gli avversari con un tocco ravvicinato su assist di Nigro.

Il Biancavilla pareggia all’Orazio Raiti contro il Santa Maria Cilento. Vanno avanti gli ospiti al 4’ del secondo tempo con Romano ma alla mezzora la squadra di Pidatella trova il jolly con l’autorete di De Gregorio propiziata da un assist di Maimone che in area cercava Randis.

Cade il Paternò ma non si fa male la formazione rossoblu di mister Catalano, già salva. Di Ceesay la rete decisiva per il Rotonda al 10’ del primo tempo.

I RISULTATI DEL GIRONE I:

BIANCAVILLA – SANTA MARIA CILENTO 1-1

CITTANOVESE – SAN LUCA 1-2

CITTA’ DI ACIREALE – DATTILO 1-1

CITTA’ DI SANT’AGATA – RENDE 2-1

MESSINA – CASTROVILLARI 2-1

GELBISON – ROCCELLA 4-0

LICATA – ACR MESSINA 1-1

MARINA DI RAGUSA – TROINA 1-0

ROTONDA – PATERNO’ 1-0

In Eccellenza sarà Siracusa-Giarre la finalissima per il salto di categoria.

Al Provinciale di Trapani il Giarre supera l’Enna e accede all’ultimo atto di questo campionato. I gialloblu di mister Gaspare Cacciola dominano la prima frazione di gara senza lasciare che gli avversari possano impensierire Barbagallo e si portano in vantaggio al 48’ dell’abbondante recupero concesso dal direttore di gara con una pennellata di Piero Concialdi dalla destra che imbecca sul versante opposto Orazio Urso il quale con una bellissima conclusione diagonale al volo angola la sfera battendo Truppo.

Nella ripresa occasione clamorosa per l’Enna dopo quattro minuti con Franzino che scheggia il palo alla destra di Barbagallo. Incredibile quello che accade al minuto 6: sovrapposizione sulla sinistra di Russo, palla al centro sventata dall’uscita di Barbagallo, sul proseguo Navarrete calcia trovando la deviazione da due passi di Franzino che si stampa sulla traversa e viene allontanata poi dalla difesa giarrese. La risposta è affidata al destro potente di Iraci, servito in area dal solito Concialdi, che però trova Truppo sulla sua strada al 26’. Nel finale, ad un giro di lancette dallo scadere, s’invola Agudiak che dalla sinistra crossa per l’accorrente Cocimano che raddoppia e chiude la contesa.

Niente da fare per l’Aci Sant’Antonio allenato da Alfio Torrisi a cui non è bastato il coraggio e la sfrontatezza per superare la corazzata Siracusa.

Al Gaeta di Enna infatti già nel primo tempo la squadra aretusea si ritrova avanti di due marcature. Selvaggio al 22’ sfrutta la corta respinta di Cirnigliaro sul tentativo di Grasso e insacca. Raddoppio al 33’ con Catania che combina per Grasso, sterzata e palla in buca. Nella ripresa si vedono i santantonesi soltanto al 33’ con Giannaula che caparbiamente sfonda a destra, serve dentro D’Emanuele che calcia addosso a Busà. Il triplice fischio fa esplodere la festa siracusana.

I RISULTATI:

POULE A

SEMIFINALI

SIRACUSA – ACI SANT’ANTONIO 2-0

GIARRE – ENNA 2-0

POULE B

TRIANGOLARE

VIRTUS ISPICA – PALAZZOLO 5-1

Alessandro Famà

Potrebbero interessarti anche