Giarre, ripartenza delle scuole tra ostacoli procedurali e incognite -
Catania
25°

Giarre, ripartenza delle scuole tra ostacoli procedurali e incognite

Giarre, ripartenza delle scuole tra ostacoli procedurali e incognite

La ripartenza delle attività didattiche nei vari plessi dipendenti dai tre principali istituti comprensivi a Giarre è segnata dalle opere manutenzione ma soprattutto di adeguamento alle linee guida Covid.  Il Primo e Terzo Istituto Comprensivo riprenderanno le attività didattiche lunedì 14 settembre, mentre il Secondo Comprensivo dal quale dipendono alcune importanti  scuole, tra le più popolose (plesso elementare Alessi, Don Bosco e materna Collodi), il 24 settembre.  Frattanto per il Verga di piazza Immacolata lievitano i tempi procedurali per la tramezzatura dell’aula magna.  Occorrerà infatti attendere l’iter appena avviato dall’Ufficio tecnico che solo ieri ha formalmente ricevuto l’incarico di predisporre un progetto per la tramezzatura dell’aula magna, stante la necessità di ricavare aule suppletive per garantire il distanziamento.

La dirigente scolastica del III Comprensivo Rossana Maletta, ha manifestato il proprio disappunto, già l’altra mattina in sede dei commissione,  dopo avere appreso, con sommo stupore,  che i lavori per il Verga erano ancora nella fase primordiale.

“Effettueremo la divisione dell’aula magna – afferma la dirigente Maletta – con mezzi di fortuna, utilizzando come separatori armadi e altri materiali didattici. Assicuriamo tutte le condizioni di sicurezza agli alunni ma è chiaro che viene meno la vivibilità dell’aula. Rimane quindi il disservizio. L’auspicio è che tale inconveniente venga risolto al più presto”. Nel frattempo il Comune ha formalmente ricevuto dal Miur 50 mila euro per sostenere le spese di locazione di altre strutture scolastiche e ulteriori 20 mila euro per spese relative alle opere di adeguamento dei locali presi in affitto. Stante il ritardo della riconsegna della materna Collodi di via Siracusa, oggetto di un radicale intervento di ristrutturazione finanziato con fondi regionali, gli alunni del plesso dipendente dal Secondo Istituto Comprensivo “Don Bosco”, effettueranno le attività didattiche nei locali del Sacro Cuore di via Alfieri.

Potrebbero interessarti anche