Giarre, condivisione e impegno nel segno di Padre Pio -
Catania
13°

Giarre, condivisione e impegno nel segno di Padre Pio

Giarre, condivisione e impegno nel segno di Padre Pio

Ha richiamato una gran folla di devoti il diciannovesimo “Convegno Diocesano dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio” svoltosi, domenica scorsa, alla presenza del vescovo di Acireale, monsignor Antonino Raspanti, nella chiesa Madre di Giarre. Tre i momenti fondamentali della serata che hanno visto riempire il Duomo giarrese di fedeli devoti, provenienti da diverse parrocchie della diocesi, fra le quali: Madonna della Provvidenza (Macchia di Giarre), Ficarazzi, S. Alfio, Gesù Lavoratore, Scillichenti, Guardia Mangano, Torre Archirafi, Immacolata (Riposto), Aci S. Antonio, Santa Maria La Stella, Regina Pacis, Madonna della Fiducia di Acireale, San Michele (Acireale), Aci San Filippo, Pozzillo, Cappuccini (Linguaglossa), San Isidoro Agricola (Giarre).

Affidata a Padre Enzo La Porta, assistente regionale dei Gruppi di Preghiera, la riflessione spirituale d’apertura del Convegno definito “strumento di comunione, di massima importanza, per l’arricchimento vicendevole, e stimolo per tutti i figli spirituali di Padre Pio”. All’attenzione dei partecipanti, in particolare, l’importanza e la “necessità” della Preghiera. A seguire, ulteriori spunti di riflessione sono stati offerti dalla lettera pastorale del Vescovo, monsignor Raspanti, dove è emerso l’invito ad essere “missionari di Gesù, sceso dal cielo per riportare al Padre l’umanità traviata”. L’esortazione arriva dallo stesso Gesù che, nel Vangelo, ci invita dicendo: “Come il Padre ha mandato me, così Io mando voi…”.

Toccanti anche alcune riflessioni su degli scambi epistolari tra San Pio e alcuni suoi figli spirituali. Intensa l’omelia del Vescovo, durante la concelebrazione eucaristica cui hanno preso parte: don Nino Russo, neo assistente spirituale diocesano dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio, e Padre Alfio Licciardello, viceparroco della Chiesa Madre di Giarre. Esortazioni ai fedeli anche da parte del vescovo. “Viviamo in comunione con Dio per essere felici – ha affermato monsignor Raspanti –, non dimenticando che, anche quando un cristiano sarà odiato e perseguito per il Vangelo, Dio è e sarà sempre con lui”.

Concessione del “mandato” ai rappresentanti del Coordinamento Diocesano dei Gruppi di Preghiera di San Pio, a conclusione dell’omelia, da parte del Vescovo che ha accolto ai piedi dell’altare il sì all’impegno, di don Nino Russo (coordinatore), Nerina Melita Rapisarda (animatrice), storica figura giarrese, fervente devota di San Pio, unitamente al compianto sposo, Mario, fondatrice del gruppo giarrese, nonché di numerosi gruppi sparsi in diversi comuni dell’isola, promotrice a Giarre dei primi raduni diocesani negli anni passati (le cui tracce fotografiche sono state esposte in una mostra organizzata, nel contesto, nel salone parrocchiale), Rosa Cavallaro (vice animatrice), Enzo Grasso (segretario), Ignazia Morana, Serafina Musumeci, Giuseppe Abate e Francesco Guarrera (consiglieri).

Ad impreziosire la serata, a conclusione della concelebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo, nel salone parrocchiale, un lieto momento di fraternità, organizzato dai gruppi della Parrocchia, in onore del viceparroco della chiesa Madre di Giarre, padre Alfio Licciardello, nella ricorrenza del primo anniversario della sua ordinazione sacerdotale. Prossimo appuntamento dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio, domenica 1 dicembre a Modica in occasione del consueto ritiro spirituale.

Rosalba Azzarelli

Potrebbero interessarti anche