Quanto costa traslocare -
Catania
31°

Quanto costa traslocare

Quanto costa traslocare

Molti ritengono che contattare una ditta per un trasloco sia sempre una scelta eccessivamente costosa. In molti casi però gli esperti di traslochi, pur chiedendo come è ovvio un onorario, ci permettono di svolgere tutte le attività al meglio e in totale sicurezza, senza rovinare mobili e oggetti vari, ma anche approfittando di attrezzature professionali che semplificano le operazioni e le rendono più veloci. Per capire se è possibile diminuire il costo propostoci per un trasloco è importante anche comprendere quali sono le voci che contribuiscono ad appesantire il conto.

Chiedere un preventivo
Per meglio comprende quanto effettivamente costi un trasloco conviene come prima cosa chiedere un preventivo. Oggi lo si può fare anche online, scegliendo un’azienda nella città da cui si vuole partire, o comunque non troppo distante dalla propria abitazione. Il preventivo non è un indicazione di massima, ma una vera e propria proposta commerciale, che deve contenere tutte le operazioni da svolgere, indicate con precisione. Avremo quindi un’idea sia di ciò che la ditta ci propone di fare, intendendo quindi operazioni di svuotamento e smontaggio dei mobili, imballo delle suppellettili, trasporto e così via; oltre a questo nel preventivo devono essere indicate anche le ore da impiegare e l’eventuale necessità di utilizzare attrezzature particolari.

Il costo del trasloco
Sono vari gli elementi che contribuiscono al costo totale di un trasloco: la distanza tra le due abitazioni, il volume delle merci da spostare, la quantità di mobili da smontare e di oggetti vari da inscatolare. Oltre a questo ci sono poi elementi specifici della situazione particolare rappresentata dal singolo trasloco. Chi vive in pieno centro di una piccola città potrebbe avere la necessità di transennare la zona in cui avvengono i lavori, oppure in alcuni casi può capitare di dover avere a disposizione piattaforme elevatrici o altre apparecchiature di vario genere. In questi casi ovviamente il costo sale e lo può fare anche in modo significativo. Un’altra “aggravante” ad esempio è la necessità di trasferire le merci al di fuori dell’Italia, in un Paese dell’Unione europea o addirittura al di fuori di essa. La ditta di traslochi ci aiuterà ad ottenere tutti i permessi e a sbrigare le pratiche burocratiche, cosa che ha ovviamente un suo costo.

Diminuire il costo del trasloco
Una volta analizzato il preventivo, nel caso in cui fosse decisamente troppo alto, si può valutare di rimuovere dal costo totale alcune voci, quelle che volendo si possono svolgere in autonomia. Lasciamo ai professionisti il lavoro “sporco”, quindi tutte le operazioni più pesanti, visto che nessuno ha intenzione di noleggiare una piattaforma elevatrice e di manovrarla senza l’aiuto di qualcuno che sappia come si fa. Le attività che possiamo svolgere da soli riguardano in genere la rimozione di alcune delle cose che ingombrano la casa. Ognuno possiede diverse suppellettili di vario genere, si va dagli abiti fino all’attrezzatura sportiva o ai mobili della taverna. Alcune cose potremo anche decidere di lasciarle dove sono, o di rivenderle in un mercatino dell’usato. Altre le potremo inscatolare al meglio perché siano già pronte al trasferimento.

Potrebbero interessarti anche