Catania
13°

Malvagna ed Ato Messina 4. Ormai è “divorzio ufficiale”: al via la gestione “in house”

Malvagna ed Ato Messina 4. Ormai è “divorzio ufficiale”: al via la gestione “in house”

Il sindaco Giuseppe Cunsolo ha affidato ad una ditta privata il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti per un periodo di sei mesi

Dopo quasi quindici anni il Comune di Malvagna è tornato ad essere “padrone assoluto” del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nel proprio territorio, quasi come nei tempi andati quando, prima dell’avvento di quei “carrozzoni” che si sono rivelati gli “A.T.O.”, le piante organiche degli uffici municipali potevano disporre anche della figura dell’operatore ecologico (o netturbino).

Qualche giorno fa, infatti, il sindaco Giuseppe Cunsolo, con propria ordinanza, ha individuato una ditta privata (la “World Service s.r.l.” di Catania) cui affidare per un periodo di sei mesi (ossia fino al prossimo 25 settembre) la raccolta dei rifiuti differenziati ed indifferenziati ed una serie di servizi accessori (come il diserbo di strade e banchine).

Nelle settimane scorse, il funzionario responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale malvagnese, Michele Cosentino, aveva emanato un avviso esplorativo per poter giungere alla scelta di un operatore economico in grado di garantire temporaneamente questo tipo di servizi a fronte di una cifra a base d’asta pari a poco più di quarantamila euro.

Nel piccolo centro dell’Alcantara, dunque, dalle parole si è passati ai fatti: era da tempo che il sindaco Cunsolo meditava di “sganciare” il proprio Comune dalla società consortile “Ato – Messina 4”, da lui più volte pubblicamente accusata di espletare un pessimo servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, specie nei Comuni più piccoli ed internati, a fronte di costi proibitivi ed ingiustificati per le municipalità.

A condividere le lamentele del primo cittadino malvagnese sono stati di recente, nel corso di un’apposita riunione, anche i suoi colleghi dei centri vicini, ossia Mojo Alcantara, Roccella Valdemone, Santa Domenica Vittoria, Motta Camastra e Graniti, che insieme alla municipalità di Malvagna daranno probabilmente vita ad una “A.R.O.” (acronimo di “Ambito di Raccolta Ottimale”), ossia la società consortile che dovrà curare il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nei territori dei suddetti sei Comuni, così come hanno fatto e stanno facendo tante municipalità siciliane per affrancarsi dagli intollerabili disservizi arrecati dagli Ato.

Sino alla fine del prossimo settembre, intanto, Malvagna verrà “pulita” dalla nuova gestione “in house” coraggiosamente intrapresa dal sindaco Cunsolo.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche