Giardini Naxos non dimentica la giovane vittima delle foibe Norma Cossetto -
Catania
27°

Giardini Naxos non dimentica la giovane vittima delle foibe Norma Cossetto

Giardini Naxos non dimentica la giovane vittima delle foibe Norma Cossetto

Su richiesta della locale associazione culturale “Tradizione, Ambiente e Turismo”, alla studentessa istriana è stata intitolata una strada della prima colonia greca di Sicilia ricadente nel popoloso quartiere Chianchitta

Giardini Naxos si aggiunge ai vari Comuni italiani (tra cui Gorizia, Bolzano, Latina, Fano e Narni) che hanno inserito il nome di Norma Cossetto nella loro toponomastica. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta la cerimonia di intitolazione di una strada della prima colonia greca di Sicilia alla giovane studentessa istriana vittima dell’odio anti italiano dei partigiani slavi i quali, nel settembre del 1945, la torturarono ed uccisero gettandola nella foiba di Villa Surani.

La nuova Via Norma Cossetto ricade del popoloso quartiere Chianchitta, sede anche di diverse attività commerciali.

A richiedere tale intitolazione è stato, alcuni anni addietro, il noto politico e sindacalista Giuseppe Russo in qualità di presidente della locale associazione culturale “Tradizione, Ambiente e Turismo”. Il sindaco Nello Lo Turco ha accolto tale richiesta nel 2017, ma l’iter per l’inserimento nella toponomastica giardinese si è concluso solo adesso con la relativa autorizzazione prefettizia prevista dalla normativa in materia.

Alla cerimonia di intitolazione dei giorni scorsi, oltre al primo cittadino naxiota Lo Turco ed al promotore dell’iniziativa, Giuseppe Russo, sono intervenuti anche alcuni amministratori del limitrofo Comune di Taormina, con in testa il presidente del Consiglio Lucia Gaberscek ed il consigliere comunale Manfredi Faraci, in quanto la via in questione ricade in una contrada confinante con il territorio della Città del Centauro. A commemorare la figura della Cossetto ha provveduto con un interessante intervento l’operatore culturale Rosario Gambacorta.

Viva soddisfazione è stata espressa da Giuseppe Russo (nella foto accanto), alla guida dell’associazione “Tradizione, Ambiente e Turismo” «che da anni – ha dichiarato – è impegnata anche a difendere la memoria delle vittime dimenticate o nascoste dalla storiografia ufficiale, dettata dai vincitori dell’ultimo conflitto mondiale. Così come per la quasi contemporanea persecuzione nazista contro il popolo ebraico, anche in questo caso ci si trova al cospetto di una “follia storica”, con gente crudelmente massacrata solo perché “colpevole” di essere italiana. Eppure gli eccidi delle foibe non sono stati sino ad oggi adeguatamente attenzionati e condannati. E dire che si è a conoscenza dell’esatta identità degli autori di queste vergognose stragi, volute dal maresciallo Tito, ma non si è mai fatto nulla per celebrare un processo nei loro confronti. E c’è da aggiungere che mentre in Italia non si sa dove prendere i soldi per sopravvivere, la nostra Inps continua, come se niente fosse, ad erogare diverse migliaia di pensioni nell’ex Jugoslavia, tra cui ad alcuni responsabili del vergognoso eccidio. Con la intitolazione di una strada a Norma Cossetto – ha concluso Russo – anche Giardini Naxos, così come altre città d’Italia, rende omaggio alla memoria di tutte le vittime innocenti di quella tragedia».

Tra il 1943 ed il 1947, infatti, migliaia di italiani residenti in Venezia-Giulia, Istria e Dalmazia furono perseguitati ed uccisi dalle truppe jugoslave di Tito per desiderio di conquista dei territori contigui. Molte di queste vittime vennero gettate, spesso ancora vive, nelle foibe, ossia le voragini naturali disseminate sull’altipiano del Carso, al confine tra Italia e Slovenia. Si parla di dieci-quindicimila morti, cui bisogna aggiungere i tanti costretti a lasciare le proprie case ed a cambiare per sempre il corso della propria vita perché cacciati dagli sloveni e dai croati, che li vedevano come usurpatori ed invasori.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche