Giardini Naxos: prove di dialogo in vista delle elezioni amministrative 2020 -
Catania
27°

Giardini Naxos: prove di dialogo in vista delle elezioni amministrative 2020

Giardini Naxos: prove di dialogo in vista delle elezioni amministrative 2020

L’Osservatorio Politico “La Fucina” ha avviato una serie di incontri con il gruppo “Giardini Naxos Bene Comune”, che nella tornata di quattro anni e mezzo fa aveva conquistato i banchi dell’opposizione. Decisamente negativo il giudizio sulla gestione dell’attuale sindaco Nello Lo Turco

Cominciano le “grandi manovre” in vista delle elezioni amministrative del Comune di Giardini Naxos, in programma tra poco più di un anno. E’ delle appena trascorse ore un documento politico dell’Osservatorio “La Fucina” in cui viene ufficializzato l’avvio di un dialogo tra quest’ultimo ed il gruppo “Giardini Naxos Bene Comune”, che alla precedente tornata elettorale naxiota candidava a sindaco Agatino Salvatore Bosco, avversario dell’attuale primo cittadino Nello Lo Turco.

Dell’Osservatorio Politico “La Fucina” fanno parte il consigliere comunale in carica, dichiaratosi indipendente, Claudio Patinella, Gianni Laganà (portavoce del gruppo), Pino Sterrantino e Lucia Cundari (nella foto principale) i quali scrivono che «lo scenario politico giardinese delineatosi negli ultimi anni impone un’attenta riflessione sui risultati sin qui raggiunti dall’attuale classe amministrativa nonché l’elaborazione di un progetto di sviluppo che porti la nostra città a livelli accettabili di vivibilità. Il nostro Osservatorio Politico ha quindi intrapreso un dialogo costruttivo con il gruppo “Giardini Naxos Bene Comune”, guidato da Salvatore Bosco, i cui esponenti, alle scorse elezioni amministrative, hanno conquistato i banchi dell’opposizione consiliare.

Agatino Bosco, leader di Giardini Naxos Bene Comune

«Abbiamo già tenuto degli incontri in cui sono state analizzate varie tematiche finalizzate allo sviluppo socioeconomico del nostro territorio. Intanto si è già registrata una larga convergenza sul ruolo che la politica debba assumere in direzione della valorizzazione delle vocazioni della comunità locale, in questi anni puntualmente ignorate e mortificate.

«Ciò per cui ci stiamo battendo è l’idea di un’attività amministrativa aperta e condivisa, all’insegna di scelte improntate ad un forte senso di rettitudine, responsabilità e coerenza. Il nostro Osservatorio “La Fucina”, formato da persone libere, senza schemi ideologici e prive di qualsiasi altro condizionamento, ed il gruppo politico “Giardini Naxos Bene Comune” abbiamo concordato, al fine di predisporre una piattaforma programmatica, di attivare dei tavoli di dialogo con le altre forze politiche territoriali e con i rappresentanti della società civile, nella consapevolezza che la partecipazione all’amministrazione della cosa pubblica, con competenza ed onestà, sia un diritto-dovere di ognuno. Ci impegniamo sin da subito, attraverso un dialogo politico attento e privo di qualsivoglia preclusione, a valutare ogni soluzione che ci verrà suggerita, nell’ottica di garantire le migliori scelte possibili ed il miglior sviluppo sostenibile per la nostra comunità.

«E’ finito il tempo dello scaricabarile e del “tanto è sempre colpa degli altri”. Non rimangono più alibi perché bisogna “scegliere”: lo impone la cittadinanza. E’ dunque giunto il momento di prendere decisioni importanti che stabiliscano un’inversione di rotta, perché la misura è colma. La “cura” proposta in questi anni di sicuro non ha portato giovamento. Si può anzi affermare, con assoluta certezza, che le soluzioni proposte a più livelli hanno innestato una pericolosa retromarcia».

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche