Valle dell'Alcantara: aria di "secessione" nell'A.T.O. Messina 4 -
Catania
23°

Valle dell’Alcantara: aria di “secessione” nell’A.T.O. Messina 4

Valle dell’Alcantara: aria di “secessione” nell’A.T.O. Messina 4

Un polemico documento dei sindaci di Malvagna, Mojo, Roccella Valdemone, Santa Domenica Vittoria, Motta Camastra e Graniti contro la Società che da anni gestisce il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nei loro territori e che ormai da tempo lascerebbe a desiderare

Tornano a farsi sentire i malumori degli amministratori di sei Comuni del versante messinese della Valle dell’Alcantara (Malvagna, Mojo, Roccella Valdemone, Santa Domenica Vittoria, Motta Camastra e Graniti) nei confronti della Società “A.T.O. – Messina 4” che gestisce il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

I sindaci alla guida delle sei municipalità si sono nuovamente riuniti ieri per manifestare ancora una volta ufficialmente la loro protesta contro l’ente, avente sede nella frazione taorminese di Trappitello, che dovrebbe garantire alle loro comunità un dignitoso servizio ecologico-ambientale, che invece lascerebbe parecchio a desiderare.

Alla guida della protesta è sempre il primo cittadino malvagnese Giuseppe Cunsolo, il quale da tempo pone l’accento sui disservizi in tale ambito nonché sulle esose somme di denaro che, come se non bastasse, l’Ato-Me4 pretende dai vari Comuni.

«Non abbiamo ancora ricevuto – si legge nella nota diramata nelle appena trascorse ore dal sindaco di Malvagna, anche a nome dei suoi colleghi – alcun chiarimento in merito al personale ed ai beni strumentali per il servizio che l’Ato-Me 4 dovrebbe erogarci. Abbiamo pertanto diffidato tale Società a darci, entro cinque giorni, le relative informazioni al fine di poter avviare le procedure per la gestione in proprio del servizio rifiuti.

«Abbiamo inoltre chiesto chiarimenti su certe notizie apprese dagli organi di stampa da cui si evince che la componente organico-umido verrà smaltita insieme alla frazione secco-indifferenziata a causa dell’indisponibilità dell’impianto di smaltimento.

«Ma, a parte ciò, riteniamo grave che un ente, dichiaratosi per sua stessa ammissione di non essere in grado di assolvere ai propri compiti istituzionali, abbia provocatoriamente chiesto a noi sindaci dei Comuni della Valle dell’Alcantara cosa abbiamo sino ad ora fatto per organizzarci nella gestione in proprio del servizio dei rifiuti.

«Perché invece – conclude il primo cittadino malvagnese Cunsolo – la Società “Ato-Me4” non ci informa essa stessa su cosa fare per poter avviare le procedure utili al riguardo?!…».

Rodolfo Amodeo

 

FOTO: da sinistra i sindaci Paolino Lo Giudice (Graniti), Pippo Spartà (Roccella Valdemone), Bruno Pennisi (Mojo Alcantara), Carmelo Blancato (Motta Camastra) e Giuseppe Cunsolo (Malvagna)

Potrebbero interessarti anche