Catania
17°

Francavilla di Sicilia “adottata” da Pasquale Frank Ferrara

Francavilla di Sicilia “adottata” da Pasquale Frank Ferrara

L’imprenditore originario della cittadina dell’Alcantara ed oggi affermato businessman in Australia ha “regalato” al paese natio un intervento di riqualificazione della villetta di Piazza Garibaldi che ospita il Monumento ai Caduti. E quanto prima, sempre a proprie spese, conta anche di dotare di illuminazione artistica i caratteristici ruderi del castello medievale

A Francavilla di Sicilia la villetta di Piazza Garibaldi su cui svetta il Monumento ai Caduti della Prima Guerra Mondiale, opera giovanile del grande scultore granitese Giuseppe Mazzullo, ha assunto da alcuni giorni un gradevolissimo “look”. Tutto merito di Pasquale “Frank” Ferrara, dinamico imprenditore nativo della cittadina dell’Alcantara ma affermatosi nel mondo con le sue attività commerciali prevalentemente incentrate sulla vendita di materiale elettronico, ed in particolare di impianti di videosorveglianza e sistemi di sicurezza di nuovissima generazione.

Ferrara, che risiede in Australia dove hanno sede le sue aziende, ha in pratica generosamente “adottato” l’artistico spiazzo, che in passato ha spesso versato in condizioni di abbandono e degrado, provvedendo a proprie spese a farlo pulire ed a dotarlo di ornamenti floreali ed illuminazione a led.

La scelta è stata dettata dal cuore in quanto, prima di emigrare appena dodicenne nella Terra dei Canguri, l’intraprendente francavillese abitava proprio a Piazza Garibaldi, ed esattamente in un immobile dove oggi hanno sede gli uffici italiani della sua organizzazione (la “Rhino.Co Technology”), presente, oltre che in Australia, anche in Inghilterra, in Nuova Zelanda e nelle Filippine.

Pasquale Ferrara fa ritorno mediamente ogni sei mesi nella sua Francavilla, un paese che sta anche contribuendo a promuovere turisticamente attraverso attività ricettive (al piano superiore dell’ufficio di Piazza Garibaldi ha realizzato una casa-vacanze dotata di quattordici posti letto che vengono occupati quasi tutto l’anno) e di esportazione in tutto il mondo di prodotti tipici agroalimentari locali.

Ripromettendoci di conoscere personalmente ed intervistare questo interessante e benemerito personaggio al suo prossimo “blitz” a Francavilla di Sicilia, siamo intanto andati a trovare i tre suoi giovani concittadini (nella foto accanto) cui l’uomo d’affari ha affidato la gestione degli uffici francavillesi di Piazza Garibaldi, ossia la general manager Giovanna Giglio, la telesales Francesca Scuderi ed il business development Carmelo Oliveri, i quali ci hanno preannunciato un altro significativo “atto d’amore” dell’imprenditore verso il suo paese natio.

Recentemente, infatti, Ferrara ha fatto protocollare al municipio di Piazza Annunziata una richiesta ufficiale per poter, sempre a proprie spese, far installare un impianto di illuminazione artistica che, durante le ore serali e notturne, dia luce ai ruderi del castello medievale ed alla sottostante collina, ricreando un’atmosfera altamente suggestiva. Diversamente da quello installato alcuni anni fa da una passata Amministrazione Comunale francavillese e poi andato in tilt, l’impianto proposto da Ferrara sarà a prova di “black-out” in quanto dotato di sistemi protettivi e di sicurezza idonei a tenerlo al riparo dagli agenti atmosferici.

Sicuramente un bell’esempio di attaccamento alle proprie origini quello di questo affermato businessman, con la testa negli affari, ma col cuore ed il portafoglio sempre pronti ad “aprirsi” per la sua Francavilla, le cui esigenze spesso non possono essere soddisfatte dalle asfittiche casse comunali e dai finanziamenti pubblici, sempre più ridotti al lumicino.

Rodolfo Amodeo

 

FOTO PRINCIPALE: la villetta del Monumento ai Caduti di Francavilla di Sicilia come si presenta dopo il recente intervento di riqualificazione e, nel riquadro, Pasquale Ferrara

Potrebbero interessarti anche