Giardini Naxos: consiglieri col “fiato sul collo” -
Catania
19°

Giardini Naxos: consiglieri col “fiato sul collo”

Giardini Naxos: consiglieri col “fiato sul collo”

L’Amministrazione Lo Turco, non appena reinsediatasi, ha nuovamente autorizzato il locale Meet Up del Movimento 5 Stelle ad effettuare le videoriprese delle sedute consiliari, che consentono ai cittadini di conoscere agevolmente ciò che si discute e decide nel “Palazzo”

E’ “fiato sul collo” anche per i nuovi amministratori insediatisi qualche settimana addietro alla guida del Comune di Giardini Naxos. Il vicesindaco Carmelo Giardina ha, infatti, autorizzato il locale Meet Up del Movimento Cinque Stelle a proseguire nell’attività di ripresa audio-video delle sedute di Consiglio Comunale, servizio, questo, che i pentastellati giardinesi avevano spassionatamente avviato nel precedente quinquennio amministrativo e che adesso, con il nuovo “placet” dell’Amministrazione Lo Turco, possono continuare a garantire.

«L’intento di questa nostra iniziativa – dichiara Antonio Macrì (nella foto), organizer del Meet Up 5 Stelle di Giardini Naxos – è quello di portare agevolmente a conoscenza dei cittadini ciò che si discute e si decide all’interno dell’aula consiliare, che non tutti possono frequentare perché obiettivamente impediti, impegnati nel lavoro o lontani dal loro Comune.

«Per essa abbiamo scelto il simpatico slogan “fiato sul collo” in quanto, battute a parte, si tratta di un atto di comunicazione e trasparenza estremamente qualificante di quella democrazia partecipata che il nostro Meet Up da sempre persegue e che consiste nell’avvicinare realmente il cittadino alle pubbliche istituzioni locali.

«In attesa che il municipio di Giardini Naxos si munisca di una sua attrezzatura autonoma, per intanto provvediamo noi, con i nostri mezzi, a riprendere integralmente le sedute consiliari per poi condividerle sul sito ufficiale del Comune e sull’apposito canale “You Tube”. Sino ad oggi abbiamo ripreso ben diciassette riunioni del civico consesso, per un totale di trentasei ore di registrazione».

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche