Mascali, inaugurato Anno Santo giubilare in occasione dell'80° della chiesa madre -
Catania
33°

Mascali, inaugurato Anno Santo giubilare in occasione dell’80° della chiesa madre

Mascali, inaugurato Anno Santo giubilare in occasione dell’80° della chiesa madre

Inaugurato solennemente dal Vescovo della diocesi di Acireale, mons. Antonino Raspanti, l’Anno santo giubilare a Mascali 1935-2015, sotto l’egida del parroco don Rosario Di Bella in occasione dell’80° della edificazione della chiesa Madre. Sarà un anno ricco di importanti iniziative religiose e culturali, che si snoderanno nei prossimi mesi secondo un calendario già presentato. Tra le iniziative interessanti, segnaliamo quella dell’Associazione Mascali 1928, che, nella Chiesa Madre ha allestito la mostra fotografica: “Mascali 1935 -2015 – Una Comunità Parrocchiale in Cammino”, visitabile gratuitamente. Nell’intenzione dei curatori ripercorrere per immagini la storia religiosa della città delle sette torri, che distrutta dalla terribile eruzione vulcanica del 1928, vide la “ricostruzione lampo” operata dal governo fascista e la grande volontà di ripresa della laboriosa popolazione.

Secondo le fonti storiche, l’apertura e la benedizione della chiesa Madre di San Leonardo Abate, avvenne il 4 novembre del 1935, e da allora si è sviluppata una storia lunga 80 anni, durante i quali la parrocchia è stata retta da quattro arcipreti-parroci: Mariano Vecchio (1922 – 1939), Carmelo Parisi (1939 – 1966), Giuseppe Risiglione (1967 – 2000) ed oggi Rosario di Bella (2000). La pregevole mostra, seguendo la scansione cronologica dettata dalla successione degli arcipreti, propone sezioni di fotografie che ripercorrono i principali momenti della vita parrocchiale: la festa del patrono San Leonardo Abate, la festa di Maria Ausiliatrice, le attività delle Suore (oggi assenti da Mascali) rivolte ai giovani, le attività dell’oratorio e dei gruppi parrocchiali, ed ancora le immagini delle visite dei vescovi, delle prime comunioni, delle cresime, dei matrimoni, dei funerali, del rinomato presepe vivente, e tanto altro ancora.

Presenti anche alcune fotografie antecedenti al 1935, ed in particolare quelle relative alla antica città di Mascali prima della eruzione lavica del 1928, e agli anni della ricostruzione, quando la piccola chiesa di Gesù e Maria di Sant’Antonino, l’unica risparmiata dalla lava, ospitò momentaneamente la parrocchia. I cittadini mascalesi hanno di buon grado contribuito alla mostra, mettendo a disposizione numerose fotografie storiche, delle quali non tutte sono state inserite per motivi di spazio. Tuttavia gli organizzatori e curatori stanno ancora raccogliendo  materiali vari, pertanto tutti coloro i quali volessero arricchire la mostra possono contribuire consegnando copie fotografiche in parrocchia o contattarli.

Mario Pafumi

 

Potrebbero interessarti anche