Belpasso, un morto per intossicazione da monossido di carbonio -
Catania
22°

Belpasso, un morto per intossicazione da monossido di carbonio

Belpasso, un morto per intossicazione da monossido di carbonio

Grave incidente domestico in contrada Pracchio di Belpasso. Un venditore ambulante di 60 anni, Vincenzo Bumbica, è morto e la moglie di 55 anni, Anna Maria Boccadella, è rimasta gravemente intossicata per avere respirato monossido di carbonio prodotto da un gruppo elettrogeno alimentato da carburante che avevano in casa.
I corpi della coppia sono stati scoperti dai figli che si sono insospettiti perché i genitori non rispondevano alle loro chiamate al cellulare. Sul posto, dopo una segnalazione al 112, sono intervenuti i carabinieri della locale Stazione che hanno avviato le indagini. Secondo una prima ricostruzione a provocare la tragedia sarebbe stata l’accensione del gruppo elettrogeno e la mancata apertura di una porta o di una finestra, dopo l’utilizzo, per fare uscire il monossido di carbonio che è rimasto in casa. L’uomo, che era su un divano vicino alla stanza dove si trovata il gruppo elettrogeno, è morto. Sua moglie, che si trovava, invece, nella camera da letto è rimasta gravemente intossicata, ma non è in pericolo di vita. La donna è stata ricoverata nell’ospedale di Paternò. La salma della vittima è stata trasferita nell’obitorio dell’ospedale Garibaldi di Catania per l’esame autoptico. Le indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò sono coordinate dalla Procura di Catania.

Potrebbero interessarti anche