Francavilla di Sicilia: la rinascita della Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo -
Catania
39°

Francavilla di Sicilia: la rinascita della Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo

Francavilla di Sicilia: la rinascita della Sacra Rappresentazione del Venerdì Santo

La gloriosa tradizione della cittadina dell’Alcantara è stata ripresa con successo dalla locale Parrocchia “S. Maria Assunta” in collaborazione con un apposito comitato civico. Un allestimento meno sontuoso rispetto alle edizioni passate, ma estremamente emozionante e suggestivo, con figuranti che hanno fatto anche da “attori”

A Francavilla di Sicilia il “vuoto” della politica e la crisi economica sono stati ancora una volta (dopo il riuscitissimo Carnevale Francavillese 2014) “neutralizzati” dalle nuove generazioni e da alcuni “eroici” cittadini di mezza età i quali, in barba agli ormai pressoché inesistenti sovvenzionamenti pubblici ed in controtendenza rispetto al sempre più diffuso disimpegno socioculturale, si sono spontaneamente prodigati per riprendere la gloriosa trazione locale della Sacra Rappresentazione vivente della Passione di Cristo, andata in scena con successo venerdì scorso nel Comune dell’Alcantara.

La Parrocchia “S. Maria Assunta”, il suo arciprete Don Giuseppe Albano, Padre Solomon Ushie ed un apposito comitato civico guidato da Nella Manitta, Annamaria Puglisi, Tonino Orsina ed Armando Belfiore si sono intestati l’encomiabile iniziativa, che non intendeva certamente emulare il “kolossal” più volte allestito (sino all’ultima edizione di dodici anni fa) dal compianto sindaco Salvatore Puglisi, all’insegna di sontuosi carri semoventi sui quali andavano in scena gli ultimi episodi della vita di Gesù: l’austerità dei tempi che stiamo vivendo ha imposto un ridimensionamento di tale manifestazione che, tuttavia, ha ugualmente riscosso l’apprezzamento sia della popolazione locale e sia dei numerosi visitatori che, per l’occasione, hanno preso d’assalto il Comune dell’Alcantara.

Stavolta, in pratica, le varie scene (Ultima Cena, Sinedrio, Flagellazione, Crocifissione, ecc.) sono state ambientate in alcuni caratteristici angoli del centro storico del paese (Piazza Annunziata, il quartiere del Carmine, Piazza Matrice, ecc.), ed i rispettivi protagonisti, pertanto, hanno avuto la possibilità di recitarle, accompagnati da suggestivi sottofondi musicali e dalla “sapiente” narrazione dello speaker Filippo Zullo.

Estremamente intense e toccanti le interpretazioni dei vari “Cristi” e della Madonna (quest’ultima mirabilmente impersonata dall’organizzatrice Nella Manitta), così come anche quelle degli altri personaggi (Pilato, Giuda, Barabba, apostoli, centurioni, pie donne, ecc.) dei quali numerosi cittadini francavillesi hanno fatto “a gara”, in queste settimane, per vedersi assegnati i ruoli.

Pertanto, rispetto alla “hollywoodiana” Sacra Rappresentazione Francavillese tradizionale, quella di quest’anno è risultata più “intimista”, ma non per questo meno pregevole: stavolta, a spostarsi lungo le vie del paese non sono stati i carri, bensì – al contrario – gli spettatori; che in compenso, però, hanno potuto assistere a scene recitate e non statiche, come invece avveniva nelle edizioni passate.

Tutto stava – ed è questa l’unica critica unanimemente mossa all’evento in questione – ad arrivare “primi” al cospetto delle varie scene. Tante di esse, infatti, avevano come “location” dei siti non certo paragonabili a “panoramici” palcoscenici, e, pertanto, a poterne comodamente godere sono stati solo coloro che, facendosi spazio con fatica tra la folla, riuscivano a posizionarsi negli immediati paraggi.

Per le prossime edizioni di questa sicuramente lodevolissima iniziativa, sono dunque consigliabili l’utilizzo di palchetti sopraelevati o, comunque, la scelta di “location” visibili da vari punti d’osservazione ed, al limite, la dislocazione di schermi giganti affinché ogni spettatore possa, senza fatica alcuna, gustarsi fino in fondo questo impareggiabile spettacolo, frutto dell’appassionata e quasi “commovente” partecipazione corale di un’intera comunità.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche