Francavilla, voglia di “Mercato del Contadino” -
Catania
24°

Francavilla, voglia di “Mercato del Contadino”

Francavilla, voglia di “Mercato del Contadino”

Il Movimento 5 Stelle della cittadina dell’Alcantara esorta il sindaco Lino Monea ad attivarsi per istituire l’importante appuntamento commerciale, in grado di risollevare le sorti dell’asfittica economia locale ed, in particolare, del comparto agricolo, sempre più in stato di “pericoloso” abbandono

Anche Francavilla di Sicilia ha, ormai da tempo, il suo “Movimento 5 Stelle”, cui aderiscono diversi giovani e meno giovani cittadini i quali, oltre a “rivoluzionare” i metodi della politica, desiderano cambiare in meglio il loro paese fornendo stimoli e nuove idee agli amministratori locali.

Ed è proprio di queste ore la richiesta che i pentastellati nostrani hanno rivolto al sindaco Lino Monea affinché la cittadina dell’Alcantara si doti di un “Mercato del Contadino”, ossia un luogo in cui i proprietari terrieri francavillesi, anche se esercitanti un’altra professione e senza obbligo di Partita Iva, possono esporre e vendere i prodotti dei loro appezzamenti.

«E’ un’iniziativa a cadenza periodica – spiegano gli esponenti del M5S in un apposito comunicato – finalizzata alla valorizzazione ed al sostegno della nostra produzione agroalimentare, ma anche ad incentivare la produzione “a chilometro zero”, consentendo un risparmio per il consumatore ed una riduzione dell’inquinamento ambientale in quanto eviterebbe il trasporto su gomma degli alimenti. Il Mercato del Contadino, inoltre, privilegia la filiera corta ed il consumo consapevole dei prodotti delle nostre campagne. Ed è, infine, evidente un altro vantaggio: sostenendo, con un’iniziativa del genere, l’economia agricola locale, la terra non verrebbe più abbandonata e, di conseguenza, si ridurrebbero i rischi derivanti dai fenomeni di dissesto idrogeologico. E’, ovviamente, auspicabile che su tale nostra proposta si confrontino i cittadini francavillesi operatori del settore (commercianti, agricoltori, ecc.) e le rispettive associazioni di categoria. Quel che è certo è che, in breve tempo ed a costo zero per le casse comunali, si può dare un segnale importante all’asfittica economia locale».

Il Comune di Francavilla di Sicilia, in realtà, negli anni scorsi aveva partecipato al bando della Regione Siciliana che finanziava i “Mercati del Contadino” (che, comunque, presentano pur sempre un minimo di costi infrastrutturali iniziali per, ad esempio, dotarsi di gazebi espositivi, servizi igienici, ecc.) senza però riuscire a rientrare nell’elenco dei quarantadue Comuni dell’isola cui tali finanziamenti sono stati concessi (ne scaturì anche un’accesa polemica, a suon di interrogazioni consiliari, tra il primo cittadino del tempo, Salvatore Nuciforo, ed il suo compianto predecessore Salvatore Puglisi).

Ai grillini francavillesi il merito di aver riportato alla ribalta tale tematica, sulla quale vale effettivamente la pena riflettere e, magari, scommettersi, al di là della reperibilità o meno di finanziamenti esterni.

Rodolfo Amodeo     

 

FOTO: da sinistra Antonino Immesi, Giuseppe Calandrino e Mariella Musso, esponenti del M5S di Francavilla di Sicilia

Potrebbero interessarti anche