Operazione “Scarface”: gli arresti e le società -
Catania
19°

Operazione “Scarface”: gli arresti e le società

Operazione “Scarface”: gli arresti e le società

Tantissimi gli intrecci affaristici del gruppo criminale oggetto di questa vasta operazione della Guardia di Finanza con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia etnea (vedi l’articolo Catania, operazione Scarface. Misure cautelari anche a 6 finanzieri), intrecci che spaziano dal mondo dell’edilizia a quello immobiliare fino a quello del divertimento attraverso la conduzione di diversi locali notturni molto noti nella “movida catanese”.

slide scarface.pptx

Undici gli arresti (in alto i nomi e le foto) compreso quello del Luogotenente della Guardia di Finanza Francesco Caccamo così come esteso il campo d’azione della struttura economica che spaziava dal Sud al Nord Italia attraverso diverse società, alcune delle quali servivano a creare delle bancarotta fraudolente.

slide scarface.pptxslide scarface.pptx

Nei casi di truffa e bancarotta fraudolenta molto spesso l’organizzazione procedeva o acquisendo aziende sane ed avviate facendole gestire a prestanome o, in alternativa, creando aziende in apparenza “pulite” mediante le diverse accortezze come operare su false rappresentazioni di bilancio e falsi conferimenti di capitali sociali per ingenti importi. Molto spesso poi le aziende, soprattutto al Nord, operavano, in un primo momento, acquisti minimi pagati puntualmente per poi fare degli ordini più grossi i cui pagamenti venivano disattesi, situazioni, queste, che spesso degeneravano pure in minacce. Inoltre i prodotti acquistati venivano rivenduti “in nero” a rischio degli acquirenti, molto spesso inconsapevoli, che venivano anche minacciati nel caso in cui richiedevano la fattura. Due fallimenti spiccano più di altri: quello della società immobiliare Nicastro Costruzioni SpA per un importo di circa un milione e mezzo di euro e quello della Agricola Reatina SpA per circa quattrocentomila euro. Il bilancio complessivo dei beni sequestrati è di ben 31 immobili sequestrati tra ville, appartamenti, magazzini, un lido balneare ed una discoteca, 11 società e 13 mezzi tra auto e moto.

Potrebbero interessarti anche