Francavilla: riprende la guerra ai morosi -
Catania
27°

Francavilla: riprende la guerra ai morosi

Francavilla: riprende la guerra ai morosi

L’Amministrazione Comunale della cittadina dell’Alcantara ha riavviato l’iter legale per la riscossione degli oltre trecentomila euro dovuti (sino al 2007) da settantasette utenti che non hanno pagato le bollette del servizio idroelettrico

L’Amministrazione Comunale di Francavilla di Sicilia, guidata dal sindaco Lino Monea, sta per riavviare la spinosa pratica finalizzata al recupero delle somme dovute all’ente di Piazza Annunziata dai cittadini morosi del servizio idroelettrico.

In gioco ci sono oltre trecentotrentamila euro (per l’esattezza € 331.339,94), ossia l’importo complessivo di quanto si sarebbe dovuto incamerare, sino al 31 dicembre 2007, da settantasette utenze, i cui titolari, invece, hanno risposto “picche” alle bollette di acqua e luce (riguardo a quest’ultima ricordiamo che il Comune di Francavilla è uno dei pochi in Italia a gestire in proprio il servizio elettrico) che sono state loro recapitate.

La relativa procedura di riscossione, in realtà, era stata avviata dalle precedenti Amministrazioni Comunali, ma l’improvviso decesso (avvenuto tre anni fa) del legale nominato a suo tempo dall’ente (il compianto avv. Giuseppe Monaco) ha bloccato tutto alla fase dei decreti ingiuntivi, ai quali adesso bisognerà dare esecuzione.

Qualche giorno fa, dunque, la Giunta francavillese ha autorizzato il sindaco Monea a procedere alla nomina di un nuovo avvocato di fiducia cui conferire l’incarico di riprendere la procedura in questione e portarla a compimento a fronte di un compenso pari ad € 6.250,00 (che in ogni caso, rientrando tra le spese legali, verrà proporzionalmente accollato agli utenti morosi).

Scorrendo l’apposito elenco predisposto dagli uffici comunali competenti, emerge che tra i settantasette debitori c’è chi se la caverà sborsando “appena” seicento euro e chi, invece, è stato condannato a versare nelle casse comunali importi di una certa consistenza, che in un paio di casi superano i ventimila euro.

Rodolfo Amodeo

 

FOTO: il municipio di Francavilla di Sicilia e, nel riquadro, il sindaco Lino Monea

Potrebbero interessarti anche