Santa Venerina, oltre una festa sbiadita -
Catania
23°

Santa Venerina, oltre una festa sbiadita

Santa Venerina, oltre una festa sbiadita

Il 15 marzo a Santa Venerina la terza edizione di “Femminile Plurale”, alternativa all’ormai tradizionale “otto marzo”

Con il patrocinio del Comune di Santa Venerina, (assessorati alla Cultura e Pari opportunità) l’associazione “Storia, Cultura e Sviluppo Territoriale” (meglio nota come Sto.Cu.Svi.T.), presieduta dal dr. Domenico Strano, organizza per il 15 marzo la terza edizione di “Femminile Plurale”. La manifestazione, che avrà luogo alle ore 18,00 nell’auditorium della Casa del Vendemmiatore” di via Trieste a S. Venerina, vedrà la consegna dei riconoscimenti alla donne native del luogo o in esso residenti che con il loro impegno sono riuscite a conseguire risultati soddisfacenti nella loro professione o attività artistica. È un’alternativa alla ormai sbiadita “festa della donna” e, appunto per questo motivo, l’incontro culturale e musicale al femminile viene attuato in una data diversa dall’8 marzo.

Le donne che verranno gratificate con il riconoscimento sono di tutte le età: quelle più giovani stanno dimostrando, con i risultati fino ad ora raggiunti, di voler procedere verso traguardi professionali, artistici o sportivi ancora più significativi, mentre altre nel corso degli anni hanno dato innumerevoli prove della loro perizia nei campi specifici di attività. Tutte, comunque, hanno contribuito a dar lustro al Comune di S. Venerina con i loro successi, nonché allo sviluppo del territorio con le ricadute delle loro attività. Nel corso della manifestazione ciascuna darà una testimonianza delle sue qualità. Questo è il senso più autentico dell’iniziativa che, nei due anni precedenti, ha già premiato una ventina di altre donne, il che dimostra un crescendo di affermazioni in tutti i campi.

Quest’anno saranno in otto, anche a causa dell’impossibilità a presenziare alla manifestazione (requisito indispensabile per ricevere il premio) da parte di quattro donne locali perché, in quei giorni, saranno fuori sede per impegni precedentemente assunti. La manifestazione, che verrà presentata dalla brava conduttrice radiofonica di Radio Etna Espresso Katia Lanza (premiata nella prima edizione, nella foto), vedrà alla ribalta (in rigoroso ordine alfabetico): Silvia Finocchiaro, in arte Najma, per la danza orientale; Anna Maria Loglisci (scrittrice e giornalista), Maria Maccarrone, professore nell’Università IUAV di Venezia; Cristina Mammino (musicista e responsabile del Centro di Formazione musicale ETRA di Linera); Angela Murabito (coordinatrice ufficio Protezione Civile), Elena Ronsisvalle, protagonista del musical “Grease” in tournée nazionale; Maria Nevia Russo, una vera virtuosa nel settore della pasticceria artistica; Francesca Sorbello, campionessa italiana di lotta a corpo libero e componente della nazionale italiana. Un riconoscimento speciale sarà riservato al Centro di Aiuto alla Vita di Santa Venerina, che sostiene materialmente e moralmente le donne in difficoltà, istituito da Ginevra e Cesare Scuderi.

Ad avvio della serata è previsto un intervento della psicologa clinica Maria Concetta Vadalà, che presenterà alcuni dati sulla condizione femminile di oggi, a cui farà seguito un omaggio in poesia e musica alle donne da parte del Gesuele Sciacca Group, che inaugurerà le “emozioni musicali” in programma. Ospiti saranno il noto complesso “I Titani” con Marika Tomarchio, dal programma “Ti lascio una canzone” di Rai1, e Amedeo Raciti, autentica rivelazione in ambito canoro quale interprete “creativo” di grandi successi di ieri e di oggi. Il mio compito sarà quello di curare i testi e la regia, mentre i soci dell’associazione Sto.Cu.Svi.T. si occuperanno dell’accoglienza e di alcuni aspetti tecnici. L’ingresso è libero e ci auguriamo, come in passato, di essere in tanti ad applaudire i protagonisti di questa terza edizione.

Giovanni Vecchio

Potrebbero interessarti anche