Poker all'italiana e Poker Texas Hold'em: le differenze principali -
Catania
14°

Poker all’italiana e Poker Texas Hold’em: le differenze principali

Poker all’italiana e Poker Texas Hold’em: le differenze principali

Per decenni il poker all’italiana è stata la variante più giocata in terra nostrana, con l’avvento del Texas Holdem tale abitudine è cambiata. Ma quali sono le differenze tra il poker italiano e queste ultime varianti?

Il poker italiana al giorno d’oggi lo si gioca principalmente tra amici in partite amichevoli o casalinghe mentre il Texas Holdem in tornei ufficiali. Facciamo un passo indietro per scoprire quando e come è avvenuto questo cambiamento. Quando è nato l’Holdem in Italia molti giocatori attratti dalle novità hanno iniziato a cimentarsi in questa nuova variante, soprattutto per la formula cash e torneo che impone al giocatore una gestione differente delle finanze. Nel cash si gioca mano per mano ed esiste la possibilità di restare sempre in gioco, mentre in torneo finite le chips si esce e nella maggior parte dei casi non è possibile riacquistarle.

Il giocatore deve imparare a gestire lo stack in base alla struttura. I bui in questo caso crescono a differenza del tradizionale poker italiano in cui viene decisa una posta iniziale e la puntata resta indifferente. Le regole del poker sono semplici da imparare ma vanno padroneggiate a dovere se ci si vuole adattare alle varianti esistenti. Come in tutte le altre varianti, il poker italiano presenza dei difetti visto che fino allo showdown non è possibile sapere quale mano hanno gli avversari. La differenza sostanziale risiede nel fatto che non esiste alcun modo per scoprire le carte dei giocatori e intuirle in qualche modo a differenza dell’Hodlem in cui il board e le carte scoperte aiutano i giocatori.

Altro elemento che caratterizza il Texas Holdem Poker, che prende il nome dall’omonimo Stato USA risiede nel bluff, ossia nel tentativo di ingannare gli avversari. Le carte coperte nel poker italiano, le puntate con rilanci illimitati non favoriscono il bluff perché non sapendo che tipo di mano ha l’avversario si rischia grosso, nel Texas riuscendo a intuirlo è possibile agire di conseguenza. Ultima ma di certo non meno importante differenza risiede nel fatto che i tornei sono tutti uguali, stesse chips di partenza, stessa iscrizione mentre nel poker italiano vi sono partite private che favoriscono chi ha maggiori disponibilità di denaro da permettersi rilanci sostanziosi.

Quindi ricapitolando, le maggiori differenze risiedono in:

  • Conoscenza delle mano avversarie.
  • Possibilità di effettuare dei bluff conoscendo gli avversari.
  • Tornei identici con lo stesso numero di fiches e iscrizione.
  • Impossibilità di rientrare in partita dopo aver perso le fisches.
  • Crescita dei bui.

Il Poker all’italiana lo si gioca in casa tra amici e difficile vederlo nei tornei, il Texas Hold’em Poker invece è una variante diventata ufficiale anche in Italia ed è la più utilizzata nei Casinò e tornei ufficiali.

Potrebbero interessarti anche