Catania, linea dura della Polizia contro i parcheggiatori abusivi -
Catania
13°

Catania, linea dura della Polizia contro i parcheggiatori abusivi

Catania, linea dura della Polizia contro i parcheggiatori abusivi

La Questura di Catania, nel predisporre i servizi da espletare durante il periodo delle festività, aveva previsto un possibile cospicuo stanziamento di parcheggiatori abusivi soprattutto nelle zone limitrofe alle vie dei negozi. Per tale motivo il Questore ha voluto mantenere alta al guardia per rendere sempre più incisiva l’azione di contrasto contro tutti coloro che, appropriandosi illegittimamente di una porzione di suolo pubblico ne consentono l’utilizzo alla collettività solo dietro pagamento in denaro.

Proprio durante queste ultime due settimane, i poliziotti hanno sanzionato ben 22 posteggiatori abusivi. All’attento controllo del territorio da parte della Polizia di Stato si sono unite le segnalazioni giunte tramite l’App “YOUPOL”, che costituisce un modo che consente ai cittadini di partecipare in modo interattivo al mantenimento dell’ordine e sicurezza pubblica.

La sanzione è il primo degli strumenti che la legge mette a disposizione dell’Autorità di Pubblica Sicurezza ,potendosi questa avvalere anche dell’Avviso Orale (semplice e aggravato), e del D.A.C.Ur. (Divieto di Accesso a determinate aree dei Centri Urbani). Con quest’ultimo provvedimento si vieta al posteggiatore abusivo di fare nuovo accesso a quelle aree del centro urbano nelle quali è stato sorpreso a esercitare l’attività illecita, con l’avviso che ove contravvenisse al divieto, incorrerebbe in un reato che prevede la pena dell’arresto da sei mesi a un anno.

Le denunce per violazione dei provvedimenti dati dal Questore si tradurranno in fatti concreti alla luce sinergia avviatasi tra la Questura e la Procura della Repubblica di Catania, grazie alla quale si giungerà a una maggiore incidenza dall’attività repressiva condotta dalla Polizia di Stato, per debellare il fenomeno dei posteggiatori abusivi.

Potrebbero interessarti anche